Altro

Residenza Maria Grazia: c’è il bando

Residenza Maria Grazia: c’è il bando
Altro Grande Biella, 27 Ottobre 2015 ore 16:19

COSSATO - Venerdì scorso, è stato pubblicato, sul sito del Comune di Cossato (www.comune.cossato.bi.it )  l’avviso pubblico, mediante procedura ristretta, per l’affidamento in concessione del servizio di gestione della ‘’Residenza Maria Grazia’’ di Lessona e Cossato, che si trova a Lessona, in via XI Febbraio 15, per un periodo di 12 anni. Il termine di scadenza dei termini per partecipare alla gara è stata fissata per le 12 venerdì 4 dicembre.

COSSATO - Venerdì scorso, è stato pubblicato, sul sito del Comune di Cossato (www.comune.cossato.bi.it )  l’avviso pubblico, mediante procedura ristretta, per l’affidamento in concessione del servizio di gestione della ‘’Residenza Maria Grazia’’ di Lessona e Cossato, che si trova a Lessona, in via XI Febbraio 15, per un periodo di 12 anni. Il termine di scadenza dei termini per partecipare alla gara è stata fissata per le 12 venerdì 4 dicembre.

Il canone annuo che il concessionario dovrà offrire all’ente concedente (Comuni di Cossato e Lessona) dovrà essere superiore al  canone annuo a base di gara di 50 mila euro, oneri fiscali esclusi.

L’importo complessivo di gara ammonta, pertanto, a 600 mila euro, esclusi oneri fiscali e maggiorazioni nei termini che seguono, riferibili all’intero periodo di durata della concessione (12 anni). Il canone annuo, si legge nel bando, è soggetto a rialzo e non saranno ammesse offerte eguali ed al ribasso. Il costo annuo di gestione del servizio, desumibile dai dati forniti dall’attuale gestore della struttura, per l’anno 2014, ammonta a circa 1.928.500 euro.

Nel determinare l’importo del canone da indicare in sede di offerta, il concorrente dovrà tener conto della situazione attuale della struttura, caratterizzata da 62 posti letto per non autosufficienti (Rsa) e 20 posti per autosufficienti (Centro Diurno).

Il concessionario dovrà corrispondere al gestore uscente, Opera Pia Cerino Zegna Onlus, la somma di 142 mila euro (oltre Iva) a titolo di rimborso delle spese da quest’ultimo sostenute per l’acquisto di arredi e di attrezzature conferite nel 2009, e successivamente tra il 2011 ed il 2015, non ammortizzate.

La corresponsione del rimborso sarà condizione necessaria per procedere alla consegna della struttura ed all’avvio del relativo servizio di gestione.

Nel bando di gara si chiede altresì che,  agli utenti, venga assicurato l’attuale ottimo livello socio-assistenziale.

Nell’erogazione dei servizi affidati, il concessionario dovrà applicare le tariffe delle rette già applicate dal gestore uscente per un anno. Al termine di ciascun periodo annuale, decorrente dalla stipula del contratto, le rete potranno essere soggette a revisioni in misura corrispondente alla variazioni dell’indice Istat.

Franco Graziola

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter