Altro

Registri non aggiornati, chiusa un'armeria

Altro 04 Marzo 2010 ore 11:56

(4 mar) Il questore, Giuseppe Poma, ha sospeso la licenza dell’armeria “Gun Shop” che ha sede in centro a Cavaglià. La decisione è stata presa in seguito a un controllo effettuato dai poliziotti della Divisione polizia amministrativa della Questura lo scorso fine dicembre, nell’ambito dei servizi di prevenzione per i botti di Capodanno. Il questore, Giuseppe Poma, ha sospeso la licenza dell’armeria “Gun Shop” che ha sede in centro a Cavaglià. La decisione è stata presa in seguito a un controllo effettuato dai poliziotti della Divisione polizia amministrativa della Questura lo scorso fine dicembre, nell’ambito dei servizi di prevenzione per i botti di Capodanno. Di armerie ne erano state passate al setaccio parecchie. Di irregolarità ne erano in effetti merse, ma quella del basso Biellese aveva maggiormente attirato l’attenzione da parte dei poliziotti coordinati dal funzionario, il commissario Raffaele Fiantanese.
Secondo quanto è stato accertato, sarebbero emersi numerosi ritardi nella compilazione dei registri obbligatori delle operazioni di vendita e acquisto nell’armeria “Gun Shop” di via Vercellone 64.
In particolare, da un esame del registro vidimato dalla Questura il 23 dicembre del 2007, lo stesso risultava regolarmente aggiornato fino alla data dell’11 agosto 2008. Da quella data in poi, sino al 20 luglio 2009, risultava aggiornato soltanto nella parte relativo all’acquisto di armi.
Un secondo registro, vidimato dalla Questura il 6 novembre 2009, risultava aggiornato dal 20 luglio 2009 al 21 settembre successivo, ma solo nella parte relativa all’acquisto e, da quest’ultima data, al momento del controllo, non risultava alcun aggiornamento. Una “dimenticanza” che è costata cara all’armiere.
Ieri mattina, gli stessi agenti della Divisione polizia amministrativa che avevano effettuato il controllo a dicembre, hanno notificato al titolare dell’armeria il provvedimento di sospensione della licenza emesso dal Questore di Biella per cinque giorni, da martedì 2 a sabato 6 marzo.

4 marzo 2010

Seguici sui nostri canali