bonus piemonte

Primi 8200 bonifici in due giorni dalla Regione a 70mila imprese piemontesi

"I 131 milioni totali del Bonus Piemonte sono  uno dei pilastri di Riparti Piemonte, il Piano da oltre 800 milioni di euro per aiutare imprese e famiglie nella Fase 2"

Primi 8200 bonifici in due giorni dalla Regione a 70mila imprese piemontesi
Biella Città, 26 Maggio 2020 ore 17:22

Con gli 11 milioni giunti sui conti correnti di migliaia di imprese piemontesi, salgono a 18,5 milioni (per un totale di 8200 bonifici) i soldi legati al Bonus Piemonte assegnati dalla Regione.

Stanziati in totale 131 milioni per 70mila imprese piemontesi

“Sono 4.679 per un valore di 11 milioni di euro i Bonus Piemonte erogati nella giornata di oggi  che sommati a quelli di ieri portano a oltre 8.200 i beneficiari che hanno già ricevuto sul proprio conto corrente il contributo a fondo perduto della Regione, per un valore complessivo in soli due giorni di 18,5 milioni di euro” .  Lo comunicano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore al Commercio Vittoria Poggio (insieme nella foto) e alla Semplificazione Maurizio Marrone .
“I bonifici – aggiungono – proseguiranno con un ritmo di circa 5mila al giorno, mentre continua anche l’invio della comunicazione a tutti i beneficiari del Bonus voluto dalla Regione per sostenere le attività piemontesi colpite dal lockdown per l’emergenza Coronavirus.  Lo stanziamento complessivo è di 131 milioni di euro che andranno a beneficio di oltre 70 mila realtà del territorio.
“Il Bonus Piemonte – conclude la nota – è  uno dei pilastri di Riparti Piemonte , il Piano da oltre 800 milioni di euro per aiutare imprese e famiglie nella Fase 2”.

L’attacco del Movimento 5 Stelle: “Riprti Piemonte, figuraccia della giunta sui bonus regionali”

Sui bonus regionali interviene con un duro comunicato il Movimento 5 Stelle: “Comiche in Consiglio regionale: la maggioranza, da questa mattina, continua a riscrivere la legge sui destinatari dei bonus regionali. Un balletto indecente che si è protratto per l’intera giornata” si legge in una nota stampa.

“La Giunta Cirio, dopo aver ignorato tutti gli emendamenti del Movimento 5 Stelle – proseguono i Grillini piemontesi –  ha sbandierato una presunta condivisione dei provvedimenti con le organizzazioni rappresentative del mondo del lavoro, ma questo accordo è stato categoricamente smentito da CNA Piemonte attraverso una mail. In merito al maxi emendamento della maggioranza i vertici della Confederazione Nazionale dell’Artigianato sono stati categorici: “in nessun modo il contenuto di tale emendamento è stato posto alla conoscenza delle scriventi né tanto meno alla condivisione in nessuna delle sue parti”. Una figuraccia senza precedenti che mette in luce l’inadeguatezza di questa Giunta: incapace a mantenere rapporti con le parti sociali ed incapace a condurre un’attività legislativa.

“In mezzo a questa scena indecorosa – conclude la nota – ci sono gli interessi del mondo del lavoro della nostra Regione. Imprese, artigiani, lavoratori e cittadini piemontesi non meritano una Giunta di questo livello”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità