Firme irregolari per la vendita di auto: 8 denunciati

Firme irregolari per la vendita di auto: 8 denunciati
19 Maggio 2010 ore 22:18

(19 mag) Il titolare di un’agenzia di pratiche auto di Vercelli, il legale rappresentante di una concessionaria di Gaglianico e due suoi fidati venditori, sono stati denunciati dagli agenti della Polizia stradale di Biella per il reato di falso ideologico in merito a un giro di firme fatte apporre in modo illegittimo ad ignari venditori di auto usate sulle pratiche di vendita non negli appositi uffici di fronte a soggetti abilitati come prevede la legge in materia (uffici del Pra, del Dipartimento dei trasporti terresti nonché delegati di agenzie abilitate o agli uffici comunali) bensì direttamente nell’ufficio della concessionaria. Nei guai sono così finiti M.R., 43 anni, di Quinto Vercellese, M.B., 48 anni, di Vercelli, e i due venditori, R.D., 50 anni, di Zumaglia, e M.M., 54 anni, di Andorno Micca. (19 mag) Il titolare di un’agenzia di pratiche auto di Vercelli, il legale rappresentante di una concessionaria di Gaglianico e due suoi fidati venditori, sono stati denunciati dagli agenti della Polizia stradale di Biella per il reato di falso ideologico in merito a un giro di firme fatte apporre in modo illegittimo ad ignari venditori di auto usate sulle pratiche di vendita non negli appositi uffici di fronte a soggetti abilitati come prevede la legge in materia (uffici del Pra, del Dipartimento dei trasporti terresti nonché delegati di agenzie abilitate o agli uffici comunali) bensì direttamente nell’ufficio della concessionaria. Nei guai sono così finiti M.R., 43 anni, di Quinto Vercellese, M.B., 48 anni, di Vercelli, e i due venditori, R.D., 50 anni, di Zumaglia, e M.M., 54 anni, di Andorno Micca. L’inchiesta “firma facile” prosegue. Dopo questa operazione, altre concessionarie sono infatti al vaglio degli investigatori (nella foto, i due componenti della Sezione di Polizia giudiziaria della Polstrada, i sovrintendenti Gianluca Valz Brenta e Maro Tessarin, con in mezzo il comandante, il commissario Maria Adelaide Tedesco). Per concludere le indagini nel miglior modo possibile, i poliziotti della Stradale hanno sentito anche otto venditori biellesi coinvolti in modo inconsapevole nel caso delle firme irregolari (hanno un’età compresa tra i 39 e i 62 anni, sono di Biella, Mottalciata, Candelo, Cavaglià, Cerreto Castello e Pollone e hanno venduto Citroen, quattro Audi A4, una Peugeot 306, un’Alfa 159 e una Passat). Tutti hanno escluso di essersi mai recati a Vercelli per la firma del contratto ma che, anzi, tutta la pratica era stata avviata e conclusa all’interno della concessionaria di Gaglianico. E’ così emerso che i coinvolti avevano come fine quello di consentire all’agenzia di Vercelli di poter concludere un certo numero di vendite di auto usate senza dover costringere i venditori a recarsi a Vercelli per apporre la propria firma sulle pratiche che poi venivano presentate al Pra, intestando i veicoli alla concessionaria biellese.

19 maggio 2010

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità