Altro

Pedemontana, slittamento a fine ottobre

Pedemontana, slittamento a fine ottobre
Altro Grande Biella, 11 Agosto 2015 ore 09:54

«Il progetto del primo lotto della Pedemontana? Procede, lentamente ma procede, e bene». Dopo le mille discussioni sulle approvazioni di opere pubbliche al Cipe, il Comitato interministeriale di programmazione economica, e dopo i tagli subiti dal Piemonte per l’Alta velocità, l’assessore regionale ai trasporti Francesco Balocco (nella foto) fa il punto sul collegamento veloce che, al momento, andrà solo a lambire il Biellese in attesa di trovare nuovi fondi per completare l’opera. Già, perché la scelta della Regione, in questa prima fase, è ricaduta sul collegamento tra Ghemme e Gattinara, con la realizzazione del ponte sul Sesia. 

«Il progetto - spiega ora Balocco - è al vaglio del consiglio superiore delle opere pubbliche per l’approvazione. Una volta effettuato questo passaggio la realizzazione del primo lotto andrà al Cipe per il finanziamento». I tempi erano stretti, perché per preservare i fondi legati allo Sblocca Italia, ossia gli 80 milioni che l’ex senatore del Pdl, ora consigliere regionale, Gilberto Pichetto aveva trovato, la scadenza era fine agosto. «Visto il passaggio al consiglio superiore delle opere pubbliche - dice ora Balocco - siamo riusciti a spostare la scadenza al 30 di ottobre, dunque i tempi tecnici per l’approvazione definitiva al Cipe ci sono tutti». 

Il progetto originale, di Satap, è stato fortemente ridimensionato, tanto che non si parla più di autostrada, bensì di una superstrada che, nelle intenzioni della Regione, dopo il completamento del primo lotto sino a Gattinara, dovrebbe proseguire sino a Cossato. L’unico dubbio che rimane è il reperimento delle risorse necessarie per il completamento dell’opera. 
Enzo Panelli

«Il progetto del primo lotto della Pedemontana? Procede, lentamente ma procede, e bene». Dopo le mille discussioni sulle approvazioni di opere pubbliche al Cipe, il Comitato interministeriale di programmazione economica, e dopo i tagli subiti dal Piemonte per l’Alta velocità, l’assessore regionale ai trasporti Francesco Balocco (nella foto) fa il punto sul collegamento veloce che, al momento, andrà solo a lambire il Biellese in attesa di trovare nuovi fondi per completare l’opera. Già, perché la scelta della Regione, in questa prima fase, è ricaduta sul collegamento tra Ghemme e Gattinara, con la realizzazione del ponte sul Sesia. 

«Il progetto - spiega ora Balocco - è al vaglio del consiglio superiore delle opere pubbliche per l’approvazione. Una volta effettuato questo passaggio la realizzazione del primo lotto andrà al Cipe per il finanziamento». I tempi erano stretti, perché per preservare i fondi legati allo Sblocca Italia, ossia gli 80 milioni che l’ex senatore del Pdl, ora consigliere regionale, Gilberto Pichetto aveva trovato, la scadenza era fine agosto. «Visto il passaggio al consiglio superiore delle opere pubbliche - dice ora Balocco - siamo riusciti a spostare la scadenza al 30 di ottobre, dunque i tempi tecnici per l’approvazione definitiva al Cipe ci sono tutti». 

Il progetto originale, di Satap, è stato fortemente ridimensionato, tanto che non si parla più di autostrada, bensì di una superstrada che, nelle intenzioni della Regione, dopo il completamento del primo lotto sino a Gattinara, dovrebbe proseguire sino a Cossato. L’unico dubbio che rimane è il reperimento delle risorse necessarie per il completamento dell’opera. 
Enzo Panelli

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter