Passeggiata per i sentieri di Pettinengo

Passeggiata per i sentieri di Pettinengo
15 Giugno 2017 ore 13:11

Sabato 17 giugno, due iniziative tra loro correlate permetteranno ai partecipanti di fare una passeggiata lungo i sentieri del territorio di Pettinengo, grazie alla sinergia tra il Comune, che patrocina l’evento, Pacefuturo Onlus, GAL Montagne Biellesi e il progetto Andar Di Corsa: io non corro da sola, promosso dalle associazioni Conservare per Innovare e Donne & Futuro Onlus per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne e sugli adolescenti svolgendo attività sportive e socio-culturali.

Ci si ritroverà alle 15.00 a Villa Piazzo, per il percorso “Salute in cammino: 10.000 passi per stare bene”, una camminata intorno al parco della storica villa che rientra nel progetto più ampio promosso dall’Azienda Sanitaria Locale di Biella, che invita a compiere almeno 35 minuti di cammino a passo sostenuto ogni giorno per contribuire alla prevenzione dello stress e di alcune malattie cardiovascolari e per migliorare la condizione psico-fisica generale. Si tratterà di un percorso relativamente breve e completamente in piano, dunque adatto a tutti.

Alle 16.00, invece, si intraprenderà un sentiero più impegnativo: “Passi di lavoro per un lavoro di passi – Il sentiero dei tessitori e della Gava”, in cui si ripercorreranno le strade affrontate dai nostri antenati delle borgate di Pettinengo per raggiungere gli opifici tessili situati a fondovalle. Si costeggerà il torrente Tamarone fino ad arrivare alla Macchina Brusà, un esempio raro di archeologia industriale, per poi passare alla “Gava”, antica cava di pietra da costruzione.

Alle 18.00 si raggiungerà il MUSA – Museo della Sacralità dell’Acqua, allestito presso l’oratorio di San Rocco in frazione Livera, dove sono esposti gli acquasantini che Sergio Trivero ha collezionato nel corso degli anni.

Si procederà infine con una visita al Museo dell’Infanzia di Pettinengo dell’Associazione Piccola Fata, presso casa Livia in frazione Livera, una piccola aula d’asilo del ‘900 dove sono stati preservati gli arredi e i sussidi didattici dell’epoca; sarà anche possibile conoscere il Progetto Reis, iniziativa dedicata alla documentazione e alla catalogazione dei beni della comunità che sono stati donati alla Piccola Fata.

«Per noi la valorizzazione dei vecchi sentieri intorno a Pettinengo è sempre stata importante – ha dichiarato Andrea Trivero, direttore di Pacefuturo. – Nel 2008, infatti, in collaborazione con l’amministrazione comunale e con i servizi sociali del territorio, abbiamo riaperto i sentieri operai, e dal 2014 ci occupiamo della manutenzione e della pulizia dell’intera rete sentieristica grazie ai nostri richiedenti asilo».

Il rientro a Villa Piazzo è previsto per le 19.00, dove Nora accoglierà i partecipanti con la sua musica e la caffetteria preparerà la merenda snoira a un prezzo di 15€ a persona, inclusi bibite, vino e dolce. In alternativa, ci si potrà fermare a Pettinengo presso il Circolo ARCI per una grigliata accompagnata dall’intrattenimento musicale di DJ Enea.

Sabato 17 giugno, due iniziative tra loro correlate permetteranno ai partecipanti di fare una passeggiata lungo i sentieri del territorio di Pettinengo, grazie alla sinergia tra il Comune, che patrocina l’evento, Pacefuturo Onlus, GAL Montagne Biellesi e il progetto Andar Di Corsa: io non corro da sola, promosso dalle associazioni Conservare per Innovare e Donne & Futuro Onlus per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne e sugli adolescenti svolgendo attività sportive e socio-culturali.

Ci si ritroverà alle 15.00 a Villa Piazzo, per il percorso “Salute in cammino: 10.000 passi per stare bene”, una camminata intorno al parco della storica villa che rientra nel progetto più ampio promosso dall’Azienda Sanitaria Locale di Biella, che invita a compiere almeno 35 minuti di cammino a passo sostenuto ogni giorno per contribuire alla prevenzione dello stress e di alcune malattie cardiovascolari e per migliorare la condizione psico-fisica generale. Si tratterà di un percorso relativamente breve e completamente in piano, dunque adatto a tutti.

Alle 16.00, invece, si intraprenderà un sentiero più impegnativo: “Passi di lavoro per un lavoro di passi – Il sentiero dei tessitori e della Gava”, in cui si ripercorreranno le strade affrontate dai nostri antenati delle borgate di Pettinengo per raggiungere gli opifici tessili situati a fondovalle. Si costeggerà il torrente Tamarone fino ad arrivare alla Macchina Brusà, un esempio raro di archeologia industriale, per poi passare alla “Gava”, antica cava di pietra da costruzione.

Alle 18.00 si raggiungerà il MUSA – Museo della Sacralità dell’Acqua, allestito presso l’oratorio di San Rocco in frazione Livera, dove sono esposti gli acquasantini che Sergio Trivero ha collezionato nel corso degli anni.

Si procederà infine con una visita al Museo dell’Infanzia di Pettinengo dell’Associazione Piccola Fata, presso casa Livia in frazione Livera, una piccola aula d’asilo del ‘900 dove sono stati preservati gli arredi e i sussidi didattici dell’epoca; sarà anche possibile conoscere il Progetto Reis, iniziativa dedicata alla documentazione e alla catalogazione dei beni della comunità che sono stati donati alla Piccola Fata.

«Per noi la valorizzazione dei vecchi sentieri intorno a Pettinengo è sempre stata importante – ha dichiarato Andrea Trivero, direttore di Pacefuturo. – Nel 2008, infatti, in collaborazione con l’amministrazione comunale e con i servizi sociali del territorio, abbiamo riaperto i sentieri operai, e dal 2014 ci occupiamo della manutenzione e della pulizia dell’intera rete sentieristica grazie ai nostri richiedenti asilo».

Il rientro a Villa Piazzo è previsto per le 19.00, dove Nora accoglierà i partecipanti con la sua musica e la caffetteria preparerà la merenda snoira a un prezzo di 15€ a persona, inclusi bibite, vino e dolce. In alternativa, ci si potrà fermare a Pettinengo presso il Circolo ARCI per una grigliata accompagnata dall’intrattenimento musicale di DJ Enea.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno