Menu
Cerca

Palazzo Oropa, investimenti per 18 milioni in tre anni

Palazzo Oropa, investimenti per 18 milioni in tre anni
Altro 22 Giugno 2015 ore 13:22

BIELLA - Sarà un bilancio che pareggerà intorno ai 114 milioni e mezzo quello che la giunta Cavicchioli porterà all’esame del consiglio comunale domani e mercoledì. Un documento economico che lascia sostanzialmente invariate le aliquote di addizionale Irpef, per cui è previsto un gettito di poco superiore ai 5,4 milioni e di Imu prima casa, invariata. Mentre per le seconde case l’aliquota salirà al 10,6 sulle seconde. Invariata la Tasi prima casa al 3,3, mentre gli affittuari saranno esentati. Il gettito totale Imu e Tasi sarà di 14,3 milioni. Restano invariate anche le aliquote della Tosap, la tassa sull’occupazione aree pubbliche, per un gettito complessivo di 830mila euro, e quelle della pubblicità, che porteranno nelle casse comunali poco meno di un milione di euro. Come più volte annunciato verrà ridotta in media di 20 euro la retta mensile sugli asili nido (qui il gettito sarà di 297mila euro), e calerà, sempre in media in base alle fasce Isee, di 50 centesimi il costo dei pranzi in mensa (gettito di 55mila euro). «Abbiamo voluto dare un primo segnale alle famiglie - ha sottolineato nei giorni scorsi il sindaco di Biella, Marco Cavicchioli - nonostante i forti tagli di trasferimenti da parte del Governo centrale che hanno contraddistinto quest’annata». 

Opere pubbliche.  Altra voce di grande interesse per i cittadini è il piano delle opere pubbliche. Per le strade verranno stanziati 2,4 milioni. Un milione verrà investito per il rifacimento dell’illuminazione pubblica, mentre 330mila euro saranno utilizzati per la sistemazione degli spazi verdi. Altri 350mila euro serviranno per mettere una toppa ai danni causati dai vari eventi alluvionali che hanno colpito la città. Gli investimenti saranno così ripartiti: 10,3 milioni nel 2015, 4,8 nel 2016 e 6,6 nel 2017. 

Enzo Panelli

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 22 giugno 2015

BIELLA - Sarà un bilancio che pareggerà intorno ai 114 milioni e mezzo quello che la giunta Cavicchioli porterà all’esame del consiglio comunale domani e mercoledì. Un documento economico che lascia sostanzialmente invariate le aliquote di addizionale Irpef, per cui è previsto un gettito di poco superiore ai 5,4 milioni e di Imu prima casa, invariata. Mentre per le seconde case l’aliquota salirà al 10,6 sulle seconde. Invariata la Tasi prima casa al 3,3, mentre gli affittuari saranno esentati. Il gettito totale Imu e Tasi sarà di 14,3 milioni. Restano invariate anche le aliquote della Tosap, la tassa sull’occupazione aree pubbliche, per un gettito complessivo di 830mila euro, e quelle della pubblicità, che porteranno nelle casse comunali poco meno di un milione di euro. Come più volte annunciato verrà ridotta in media di 20 euro la retta mensile sugli asili nido (qui il gettito sarà di 297mila euro), e calerà, sempre in media in base alle fasce Isee, di 50 centesimi il costo dei pranzi in mensa (gettito di 55mila euro). «Abbiamo voluto dare un primo segnale alle famiglie - ha sottolineato nei giorni scorsi il sindaco di Biella, Marco Cavicchioli - nonostante i forti tagli di trasferimenti da parte del Governo centrale che hanno contraddistinto quest’annata». 

Opere pubbliche.  Altra voce di grande interesse per i cittadini è il piano delle opere pubbliche. Per le strade verranno stanziati 2,4 milioni. Un milione verrà investito per il rifacimento dell’illuminazione pubblica, mentre 330mila euro saranno utilizzati per la sistemazione degli spazi verdi. Altri 350mila euro serviranno per mettere una toppa ai danni causati dai vari eventi alluvionali che hanno colpito la città. Gli investimenti saranno così ripartiti: 10,3 milioni nel 2015, 4,8 nel 2016 e 6,6 nel 2017. 

Enzo Panelli

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 22 giugno 2015