Menu
Cerca
iniziativa benefica

Orsi nel mondo, il libro sul biellese generoso nelle terre del sisma

È disponibile in versione cartacea il libro, scritto dal giornalista e redattore di Eco di Biella, Lorenzo Lucon, che racconta la solidarietà biellese e l'impegno dell'associazione Orsi nel mondo nelle terre di Umbria e Marche colpite dal terremoto del 2016. Prefazione di Massimo Giletti

Orsi nel mondo, il libro sul biellese generoso nelle terre del sisma
Biella Città, 13 Dicembre 2020 ore 11:34

È finalmente disponibile in versione cartacea il libro, scritto dal giornalista e redattore di Eco di Biella, Lorenzo Lucon (foto), che racconta la solidarietà biellese e l'impegno dell'associazione Orsi nel mondo nelle terre di Umbria e Marche colpite dal terremoto del 2016.
Prefazione di Massimo Giletti e fotografie di Stefano Ceretti. Il ricavato all'O.d.V. presieduta da Andrea Lampo.


"Orsi nel mondo - l'impegno biellese dopo il terremoto" è il nuovo libro scritto dal giornalista biellese Lorenzo Lucon, pubblicato da Botalla Editore, con il sostegno di bonprix e Auser Vallesessera, e dedicato all'O.d.V. Orsi nel mondo. Molte le novità rispetto all'anticipazione digitale uscita la scorsa primavera, tra cui foto inedite, nuovi contenuti e il prezioso contributo di due realtà del territorio. L'intero ricavato della pubblicazione, in vendita al prezzo di 18 euro e disponibile da pochi giorni in librerie, edicole e attraverso i volontari di Orsi nel mondo, è destinato all'associazione guidata da Andrea Lampo, nata nel 2019, e impegnata in numerose attività solidali sul territorio provinciale, nell'area balcanica, nelle Marche e in Umbria, colpite dal terremoto del 2016 che ha provocato morti e distruzione. Regioni in cui, in diverse aree, buona parte della popolazione vive ancora nelle soluzioni abitative d'emergenza in attesa di una ricostruzione mai partita.
A scrivere la prefazione il giornalista e conduttore televisivo biellese Massimo Giletti.

Lucon racconta i viaggi compiuti insieme agli Orsi e al fotografo Stefano Ceretti, autore degli scatti all'interno del libro, tra l'ottobre 2019 e il febbraio 2020 nell'area del "cratere", e le reazioni provate nel camminare in una "zona rossa", nel trascorrere alcune notti in un container e a visitare paesi distrutti e spesso abbandonati come Norcia, Castelluccio, Arquata del Tronto, Visso, Muccia e Pieve Torina. Poi il racconto di dieci storie legate al sisma, alle sue conseguenze e al desiderio, da parte di tutte le persone intervistate dal giornalista, di tornare alla normalità. Tra loro ci sono il pediatra Salvatore Stasolla, il presidente della Pro loco Campi di Norcia, Roberto Sbriccoli, l'imprenditore Alberto Tancredi, i rifugisti Stefano Cappelli ed Elena Pascolini, il ristoratore Daniele Testa e gli amici di Zona Cesarina, ultimo baluardo rimasto a Castelluccio di Norcia.