Nuove tribune

Nuove tribune
Altro 18 Marzo 2012 ore 13:19

Il Comune ha concesso un contributo di 1.500 euro al G.s. Parlamento a fronte delle spese che ha dovuto sostenere per l’acquisto del materiale necessario per poter realizzare il basamento in cemento armato per  le due tribune, che sono state installate sul lato est della struttura. «Al campo sportivo del G.s. Parlamento - spiega l’assessore allo sport Bruno Murru - sono arrivate, di recente, le due tribune, di cui la società aveva bisogno da parecchio tempo. Qualche anno fa, allo stadio comunale Abate, si era dovuto provvedere ad installare degli spalti per accogliere la tifoseria ospite, in quanto lo prevedeva il precedente regolamento. Ora, le regole sono cambiate ed il Cossato Calcio 2010 gioca in Prima categoria, per cui non è più necessario disporre di queste tribune. Così, abbiamo proposto ai responsabili del Parlamento di spostare le due tribune nella loro struttura, evitando così una spesa non indifferente, che, diversamente, non saremmo stati in grado, per il momento, di affrontare».

Al via. Avuto l’ok dai dirigenti del Parlamento per trasferire da loro gli spalti “usati’’, era necessario costruire una piattaforma su cui installarli. «Per poter eseguire questo intervento, abbiamo stanziato un contributo di 1.500 euro per il G.s. Parlamento e la società - conclude l’assessore Murru - ha subito provveduto a smontare le due tribune esistenti al campo “Ezio Abate’’ del Paschetto e ad installarle nel campo della loro frazione. Così facendo, con una spesa minima, abbiamo risolto un problema ed ottimizzato l’utilizzo della struttura». «L’aspetto più positivo di tutta la questione - commenta, infine, il sindaco Claudio Corradino - sta nell’aver saputo affrontare e risolvere un problema con una spesa più che contenuta. Di questi tempi, infatti, è davvero indispensabile stringere la cinghia, imparando a fare di necessità virtù». Con l’occasione, il sodalizio ha anche provveduto a posare, nei pressi dell’ingresso al campo sportivo, una simpatica casetta in legno, che verrà utilizzata, d’ora in poi, come biglietteria.