"Non sempre il 'meglio' è altrove"

"Non sempre il 'meglio' è altrove"
Altro 27 Marzo 2012 ore 18:34

Sono nata a Biella. È qui che ho vissuto la mia infanzia ed è a partire da qui che inizierò a costruire il mio futuro. Mi hanno insegnato a non rinnegare mai le mie origini e a non sottovalutarle. Tuttavia, come molti altri ragazzi della mia età, spesso mi ritrovo ad immaginare la mia vita futura lontano da qui, in una grande città, e, per cominciare, voglio prender parte alle giornate di presentazione delle Università di Milano e Torino, convinta che non studierò in quella di Biella, senza nemmeno essermi informata. Pensando a questo, mi chiedo se non stia commettendo un errore. In effetti noi giovani, spesso, nei nostri progetti, scartiamo a priori le opportunità più facilmente abbordabili, convinti che, di sicuro, troveremo di meglio altrove. È che il “meglio” bisogna crearlo.

Sono nata a Biella. È qui che ho vissuto la mia infanzia ed è a partire da qui che inizierò a costruire il mio futuro. Mi hanno insegnato a non rinnegare mai le mie origini e a non sottovalutarle. Tuttavia, come molti altri ragazzi della mia età, spesso mi ritrovo ad immaginare la mia vita futura lontano da qui, in una grande città, e, per cominciare, voglio prender parte alle giornate di presentazione delle Università di Milano e Torino, convinta che non studierò in quella di Biella, senza nemmeno essermi informata. Pensando a questo, mi chiedo se non stia commettendo un errore. In effetti noi giovani, spesso, nei nostri progetti, scartiamo a priori le opportunità più facilmente abbordabili, convinti che, di sicuro, troveremo di meglio altrove. È che il “meglio” bisogna crearlo. Ho conosciuto un’anziana signora che, sfruttando le doti affinate lavorando per Valentino, impiega sforzi ed energia nell’organizzazione di sfilate di moda per fare beneficenza e far conoscere Biella e i suoi giovani imprenditori ed artisti. Una cantante e una stilista biellesi hanno avuto l’opportunità di far conoscere il proprio talento proprio durante una di queste occasioni. E c’è poi una ragazza appena laureata in giurisprudenza che non vuole fare l’avvocato: il progetto che tanto le sta a cuore è invece quello di aprire un centro giovani nella nostra città. Progetto che dovrebbe far nascere nei ragazzi uno spirito di incontro e iniziativa, anche creativa.
Credo che le persone pronte a mettere in gioco nuove idee per migliorare Biella non manchino... Basta non svalutarla per principio senza nemmeno indagare su ciò che essa può e potrà offrire.
Laura Manna