Menu
Cerca

Nelle celle rischio di risse e incendi

Nelle celle rischio di risse e incendi
Altro 03 Agosto 2017 ore 21:43

BIELLA – Quello che li fa più arrabbiare, è la mancanza di dialogo e confronto, il sentirsi esclusi da decisioni che li riguardano. Per forza. Perché il carcere lo fanno andare avanti loro, i poliziotti penitenziari. E sono loro che, soprattutto, rischiano più di tutti. L’altroieri i rappresentanti sindacali della Polizia penitenziaria, hanno protestato sostanzialmente per questo. Si sentono allo sbando e chiedono a gran voce la sostituzione della direttrice e del loro comandante. Così, martedì mattina, davanti al carcere di viale dei Tigli – con la Polizia municipale e gli agenti della Digos a controllare i colleghi a debita distanza, discreti, durante il via vai dei parenti dei reclusi con l’appuntamento in parlatorio – hanno organizzato un sit-in di protesta con campanacci, trombette, fischietti e cori da stadio continui: una nenia senza senso, assordante, pur di farsi sentire. 
Valter Caneparo
Leggi di più sull’Eco di Biella in edicola 

BIELLA – Quello che li fa più arrabbiare, è la mancanza di dialogo e confronto, il sentirsi esclusi da decisioni che li riguardano. Per forza. Perché il carcere lo fanno andare avanti loro, i poliziotti penitenziari. E sono loro che, soprattutto, rischiano più di tutti. L’altroieri i rappresentanti sindacali della Polizia penitenziaria, hanno protestato sostanzialmente per questo. Si sentono allo sbando e chiedono a gran voce la sostituzione della direttrice e del loro comandante. Così, martedì mattina, davanti al carcere di viale dei Tigli – con la Polizia municipale e gli agenti della Digos a controllare i colleghi a debita distanza, discreti, durante il via vai dei parenti dei reclusi con l’appuntamento in parlatorio – hanno organizzato un sit-in di protesta con campanacci, trombette, fischietti e cori da stadio continui: una nenia senza senso, assordante, pur di farsi sentire. 
Valter Caneparo
Leggi di più sull’Eco di Biella in edicola