Museo del Territorio, aperto il cantiere della nuova sezione storico-artistica

Museo del Territorio, aperto il cantiere della nuova sezione storico-artistica
Altro 19 Aprile 2016 ore 22:30

BIELLA - Hanno preso il via i lavori apre della nuova sezione storico-artistica del Museo del Territorio Biellese. L'allestimento, al primo piano del complesso del Chiostro di San Sebastiano, consentirà di estrarre dal caveau e di mostrare agli occhi del pubblico alcuni dei capolavori patrimonio del museo che finora non avevano ancora avuto uno spazio adatto per essere esposti.
Si tratta di collezioni di opere d'arte dell'800 e del '900, giunte nel corso dei decenni grazie a lasciti, donazioni o depositi di concittadini illustri. «In questo modo - sottolinea l'assessore alla cultura Teresa Barresi - giungeremo al completamento del progetto originario».
Le collezioni annoverano opere di alta qualità e di particolare interesse artistico: solo a titolo di esempio, sono presenti opere di Antonio Fontanesi, Giovanni Battista Quadrone, Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Carlo Carrà, Emilio Longoni, fino ad arrivare al Novecento con opere di Marc Chagall, Paul Klee, René Magritte, Giacomo Balla, Giorgio De Chirico e Lucio Fontana. «Col nuovo allestimento - aggiunge Teresa Barresi - potremo restituire al proprio pubblico collezioni rimaste inesposte per diversi anni, creando occasioni di approfondimento e contestualizzazione delle stesse, mettendo in atto occasioni di studio, valorizzazione e divulgazione dei patrimoni. L'obiettivo sarà coinvolgere ampie e diversificate fasce di pubblico, anche attraverso l’elaborazione di una proposta didattica dedicata».
I lavori per il nuovo allestimento non sono compatibili con le normali attività di visita e di didattica del Museo. La sezione storico-artistica sarà dunque chiusa fino a conclusione dei lavori, quindi per circa un mese, per permettere agli addetti di procedere celermente e di garantire le condizioni di sicurezza delle opere.
Resteranno pertanto aperte al pubblico, a partire da domani, mercoledì 20 aprile, le sezioni archeologica e paleontologica, oltre alle sale adibite alle mostre temporanee, che saranno visitabili per il tempo strettamente necessario a completare il nuovo allestimento, con biglietto ridotto di 3 euro, come stabilito da una delibera che la giunta ha votato lunedì 18 aprile.
I giorni e gli orari di apertura del Museo del Territorio sono mercoledì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 18,30 e il sabato e domenica dalle 15 alle 18,30.
v.s.

BIELLA - Hanno preso il via i lavori apre della nuova sezione storico-artistica del Museo del Territorio Biellese. L'allestimento, al primo piano del complesso del Chiostro di San Sebastiano, consentirà di estrarre dal caveau e di mostrare agli occhi del pubblico alcuni dei capolavori patrimonio del museo che finora non avevano ancora avuto uno spazio adatto per essere esposti.
Si tratta di collezioni di opere d'arte dell'800 e del '900, giunte nel corso dei decenni grazie a lasciti, donazioni o depositi di concittadini illustri. «In questo modo - sottolinea l'assessore alla cultura Teresa Barresi - giungeremo al completamento del progetto originario».
Le collezioni annoverano opere di alta qualità e di particolare interesse artistico: solo a titolo di esempio, sono presenti opere di Antonio Fontanesi, Giovanni Battista Quadrone, Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Carlo Carrà, Emilio Longoni, fino ad arrivare al Novecento con opere di Marc Chagall, Paul Klee, René Magritte, Giacomo Balla, Giorgio De Chirico e Lucio Fontana. «Col nuovo allestimento - aggiunge Teresa Barresi - potremo restituire al proprio pubblico collezioni rimaste inesposte per diversi anni, creando occasioni di approfondimento e contestualizzazione delle stesse, mettendo in atto occasioni di studio, valorizzazione e divulgazione dei patrimoni. L'obiettivo sarà coinvolgere ampie e diversificate fasce di pubblico, anche attraverso l’elaborazione di una proposta didattica dedicata».
I lavori per il nuovo allestimento non sono compatibili con le normali attività di visita e di didattica del Museo. La sezione storico-artistica sarà dunque chiusa fino a conclusione dei lavori, quindi per circa un mese, per permettere agli addetti di procedere celermente e di garantire le condizioni di sicurezza delle opere.
Resteranno pertanto aperte al pubblico, a partire da domani, mercoledì 20 aprile, le sezioni archeologica e paleontologica, oltre alle sale adibite alle mostre temporanee, che saranno visitabili per il tempo strettamente necessario a completare il nuovo allestimento, con biglietto ridotto di 3 euro, come stabilito da una delibera che la giunta ha votato lunedì 18 aprile.
I giorni e gli orari di apertura del Museo del Territorio sono mercoledì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 18,30 e il sabato e domenica dalle 15 alle 18,30.
v.s.