Movida: tornano i Vigili urbani

Movida: tornano i Vigili urbani
Altro 29 Maggio 2015 ore 20:50

Nei prossimi sei mesi gli agenti della Polizia municipale di Biella effettueranno  un minimo di 35 giorni di pattuglia notturna. E’ questo il primo effetto della maggior flessibilità di orario richiesta dagli agenti nell’ambito della riorganizzazione del servizio e approvata dalla giunta in una seduta lampo, in notturna, al termine del Consiglio comunale.

Lo ha annunciato l’assessore Stefano La Malfa. I servizi notturni si svolgeranno soprattutto di venerdì e di sabato sera. Ma in caso di necessità particolari, anche in altri giorni della settimana, con l’obiettivo di aumentare la percezione di sicurezza soprattutto nelle zone più frequentate, come Riva per la movida. Verranno però effettuati controlli mirati, dalla sosta selvaggia al tasso alcolico di chi guida.

Le pattuglie saranno due a servizio, per un totale di quattro agenti. Sempre saranno presenti il comandante o un ufficiale. L'impegno di spesa per questi primi sei mesi è di 15mila euro.

«Siamo soddisfatti della collaborazione che abbiamo trovato con gli agenti, i loro rappresentanti sindacali e con i dirigenti - spiega l’assessore La Malfa -. Il piano è stato preparato e condiviso nei contenuti con le Rsu e alla loro ratifica diventerà pienamente operativo. Questo era un tema che si trascina dalla passata legislatura ed era un obiettivo del nostro programma elettorale, sul quale siamo stati incalzati spesso dall’opinione pubblica e dai consiglieri nell’aula di palazzo Oropa. Ora possiamo dire di aver raggiunto l’obiettivo...».

La Malfa traccia anche obiettivi e limiti del lavoro notturno della Polizia municipale: «La sicurezza pubblica deve restare un compito delle forze dell’ordine. I nostri agenti sapranno essere molto utili sia come presidio discreto nelle zone più movimentate della movida nei fine settimana, sia come garanzia di rispetto del codice della strada».

Nei prossimi sei mesi gli agenti della Polizia municipale di Biella effettueranno  un minimo di 35 giorni di pattuglia notturna. E’ questo il primo effetto della maggior flessibilità di orario richiesta dagli agenti nell’ambito della riorganizzazione del servizio e approvata dalla giunta in una seduta lampo, in notturna, al termine del Consiglio comunale.

Lo ha annunciato l’assessore Stefano La Malfa. I servizi notturni si svolgeranno soprattutto di venerdì e di sabato sera. Ma in caso di necessità particolari, anche in altri giorni della settimana, con l’obiettivo di aumentare la percezione di sicurezza soprattutto nelle zone più frequentate, come Riva per la movida. Verranno però effettuati controlli mirati, dalla sosta selvaggia al tasso alcolico di chi guida.

Le pattuglie saranno due a servizio, per un totale di quattro agenti. Sempre saranno presenti il comandante o un ufficiale. L'impegno di spesa per questi primi sei mesi è di 15mila euro.

«Siamo soddisfatti della collaborazione che abbiamo trovato con gli agenti, i loro rappresentanti sindacali e con i dirigenti - spiega l’assessore La Malfa -. Il piano è stato preparato e condiviso nei contenuti con le Rsu e alla loro ratifica diventerà pienamente operativo. Questo era un tema che si trascina dalla passata legislatura ed era un obiettivo del nostro programma elettorale, sul quale siamo stati incalzati spesso dall’opinione pubblica e dai consiglieri nell’aula di palazzo Oropa. Ora possiamo dire di aver raggiunto l’obiettivo...».

La Malfa traccia anche obiettivi e limiti del lavoro notturno della Polizia municipale: «La sicurezza pubblica deve restare un compito delle forze dell’ordine. I nostri agenti sapranno essere molto utili sia come presidio discreto nelle zone più movimentate della movida nei fine settimana, sia come garanzia di rispetto del codice della strada».