Morto in casa da dieci giorni a Vallemosso

Morto in casa da dieci giorni a Vallemosso
16 Dicembre 2013 ore 00:32

Dramma della solitudine l’altro giorno a Valle Mosso. Il pensionato Modesto Ferrari, 73 anni, è stato trovato senza vita nella sua abitazione di via Bartolomeo Sella dove viveva solo. Sono stati i Vigili del fuoco del distaccamento di Ponzone e entrare in casa con  i carabinieri di Bioglio. Per il pensionato, ex dipendente del Lanificio Botto, non c’era purtroppo più nulla da fare: era morto da una decina di giorni, stroncato con ogni probabilità da un malore fulminante, nel cuore di Valle Mosso.

Nessuno si è accorto per giorni dell’assenza di quell’uomo. Eppure, nel retro della casa, i suoi quattro asini mostravano chiari i segni della mancanza di cibo e dell’abbandono. Ma nessuno si è insospettito tranne Stefano Revello, geometra, consigliere comunale a Cossato. «Lo conoscevo bene, era una brava persona – ricorda -. Spesso lo andavo a trovare oppure lui veniva a trovare me in studio. Quando per giorni non si è fatto sentire, ho cominciato a preoccuparmi. Ho provato a chiamarlo, ma  i telefoni erano spenti. Per giorni, nella sua abitazione di Valle Mosso, è rimasta accesa la stessa luce. Ho provato a telefonare in ospedale. Nulla. Ho chiesto in paese se qualcuno lo avesse incontrato. Ancora nulla. Ho allora deciso di chiedere l’intervento dei carabinieri…».
Il ritrovamento. I militari hanno fatto aprire la porta dell’abitazione dai Vigili del fuoco e, in effetti, nella camera da letto, è stato trovato il cadavere del pensionato ormai in avanzato stato di decomposizione. La salma è stata poi affidata alla sorella che abita in Valsesia. I funerali di Modesto Ferrari sono previsti  per domattina alle 11 nella chiesa di Valle Mosso.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità