Mongrando: Comune e parrocchia uniti per il centro estivo

Mongrando: Comune e parrocchia uniti per il centro estivo
07 Aprile 2015 ore 14:34

MONGRANDO – L’impegno dell’amministrazione comunale di Mongrando di trovare una soluzione per rendere il centro estivo meno costoso è stato mantenuto. Da quest’anno, infatti, a supporto del Comune è subentrata la parrocchia, nella figura di don Stefano Vaudano, in una collaborazione che porterà grandi novità e un abbassamento dei costi. «Negli anni passati il centro estivo era organizzato solo dal Comune – spiega l’assessore all’istruzione e vice sindaco Gloria Trione –, con l’aiuto della mia collega Daniela Granero assessore alle politiche giovanili e don Stefano abbiamo trovato un nuovo modo per andare in contro alle famiglie». La soddisfazione per il progetto colpisce anche il sindaco Tony Filoni. «Non posso che fare un plauso ai miei assessori e al parroco per l’ottimo lavoro che hanno svolto».
La grande novità riguarda il servizio mensa. «In collaborazione con la parrocchia i pasti verranno preparati da volontari – racconta il vice sindaco – questo prevede un abbassamento dei costi. Lo standard elevato, ovviamente, verrà mantenuto e garantito. Ci appoggeremo ai locali della “casa del giovane” che ha al suo interno una cucina attrezzata e completamente a norma, inoltre, i volontari si occuperanno anche della pulizia».  Il centro estivo verrà suddiviso in tre gruppi, i bambini della scuola dell’infanzia, a Curanuova, mentre quelli della scuola primaria e della secondaria di primo grado, sede nella sede scuola media. «Per i bambini più piccoli e quelli delle elementari il centro estivo rimarrà aperto tutti i giorni per l’intera giornata, mentre per i ragazzi più grandi saranno tre pomeriggi e due giorni interi, quelli della gita e della piscina». La seconda novità riguarda gli educatori. «Come già negli scorsi anni avremmo personale qualificato, diplomati o laureati in materie pedagogiche, rigorosamente maggiorenni, che hanno già avuto esperienze o che hanno fatto il servizio civile nel nostro asilo. Insieme al parroco abbiamo deciso di inserire dei giovani delle superiori come aiuto animatori, in modo da coinvolgere anche altri ragazzi del paese e affinché utilizzino il loro tempo per imparare ad aiutare gli altri. Questi giovani saranno adeguatamente formati nel periodo che precede il centro estivo. Per iscriversi c’è tempo fino al 30 aprile, daremo precedenza ai bambini residenti in paese e a chi frequenta le nostre scuole, ma potranno presentare domanda anche le famiglie dei ragazzi fuori zona fino al raggiungimento posti».
Ramona Bellotto

MONGRANDO – L’impegno dell’amministrazione comunale di Mongrando di trovare una soluzione per rendere il centro estivo meno costoso è stato mantenuto. Da quest’anno, infatti, a supporto del Comune è subentrata la parrocchia, nella figura di don Stefano Vaudano, in una collaborazione che porterà grandi novità e un abbassamento dei costi. «Negli anni passati il centro estivo era organizzato solo dal Comune – spiega l’assessore all’istruzione e vice sindaco Gloria Trione –, con l’aiuto della mia collega Daniela Granero assessore alle politiche giovanili e don Stefano abbiamo trovato un nuovo modo per andare in contro alle famiglie». La soddisfazione per il progetto colpisce anche il sindaco Tony Filoni. «Non posso che fare un plauso ai miei assessori e al parroco per l’ottimo lavoro che hanno svolto».
La grande novità riguarda il servizio mensa. «In collaborazione con la parrocchia i pasti verranno preparati da volontari – racconta il vice sindaco – questo prevede un abbassamento dei costi. Lo standard elevato, ovviamente, verrà mantenuto e garantito. Ci appoggeremo ai locali della “casa del giovane” che ha al suo interno una cucina attrezzata e completamente a norma, inoltre, i volontari si occuperanno anche della pulizia».  Il centro estivo verrà suddiviso in tre gruppi, i bambini della scuola dell’infanzia, a Curanuova, mentre quelli della scuola primaria e della secondaria di primo grado, sede nella sede scuola media. «Per i bambini più piccoli e quelli delle elementari il centro estivo rimarrà aperto tutti i giorni per l’intera giornata, mentre per i ragazzi più grandi saranno tre pomeriggi e due giorni interi, quelli della gita e della piscina». La seconda novità riguarda gli educatori. «Come già negli scorsi anni avremmo personale qualificato, diplomati o laureati in materie pedagogiche, rigorosamente maggiorenni, che hanno già avuto esperienze o che hanno fatto il servizio civile nel nostro asilo. Insieme al parroco abbiamo deciso di inserire dei giovani delle superiori come aiuto animatori, in modo da coinvolgere anche altri ragazzi del paese e affinché utilizzino il loro tempo per imparare ad aiutare gli altri. Questi giovani saranno adeguatamente formati nel periodo che precede il centro estivo. Per iscriversi c’è tempo fino al 30 aprile, daremo precedenza ai bambini residenti in paese e a chi frequenta le nostre scuole, ma potranno presentare domanda anche le famiglie dei ragazzi fuori zona fino al raggiungimento posti».
Ramona Bellotto

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità