Altro

Migliaia di prodotti per i terremotati

Migliaia di prodotti per i terremotati
Altro Biella Città, 29 Agosto 2016 ore 10:43

BIELLA - Chi dice che i biellesi sono un popolo di persone avare non sa di cosa parla. Di fronte a grandi fatti di cronaca, a catastrofi, o quando ce? reale bisogno di aiuto, Biella e i biellesi sanno dimostrare il proprio grande cuore. E sanno condivere con generosita?.

Lo dimostrano le migliaia di prodotti di prima necessita? raccolti, in soli quattro giorni, dal Coordinamento provinciale di Protezione civile a favore delle popolazioni terremotate del centro Italia. In tantissimi hanno portato, nella sede di via Gersen, pasta, scatolame, giocattoli, prodotti per ligiene e tanto altro ancora da inviare nelle zone colpite dal sisma. Cio? nonostante il capo nazionale della Protezione civile, Fabrizio Curcio, abbia lanciato un appello sconsigliando la racconta di cibo e indumenti: «Servono prima di tutto soldi».

Per quattro giorni la caserma e? stata un continuo viavai di cittadini, pronti a donare quello che potevano. Sono stati accolti nel piazzale - dove, per loccasione, e? stato allestito un gazebo bianco vicino alla tettoia - da una decina di volontari, che si sono occupati di smistare i prodotti suddividendoli per genere prima di ritirarli in appositi scatoloni. 

Shama Ciocchetti 

Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 29 agosto 2016 

BIELLA - Chi dice che i biellesi sono un popolo di persone avare non sa di cosa parla. Di fronte a grandi fatti di cronaca, a catastrofi, o quando c’e? reale bisogno di aiuto, Biella e i biellesi sanno dimostrare il proprio grande cuore. E sanno condivere con generosita?.

Lo dimostrano le migliaia di prodotti di prima necessita? raccolti, in soli quattro giorni, dal Coordinamento provinciale di Protezione civile a favore delle popolazioni terremotate del centro Italia. In tantissimi hanno portato, nella sede di via Gersen, pasta, scatolame, giocattoli, prodotti per l’igiene e tanto altro ancora da inviare nelle zone colpite dal sisma. Cio? nonostante il capo nazionale della Protezione civile, Fabrizio Curcio, abbia lanciato un appello sconsigliando la racconta di cibo e indumenti: «Servono prima di tutto soldi».

Per quattro giorni la caserma e? stata un continuo viavai di cittadini, pronti a donare quello che potevano. Sono stati accolti nel piazzale - dove, per l’occasione, e? stato allestito un gazebo bianco vicino alla tettoia - da una decina di volontari, che si sono occupati di smistare i prodotti suddividendoli per genere prima di ritirarli in appositi scatoloni. 

Shama Ciocchetti 

Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 29 agosto 2016 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter