Mercato, meno posti e più parcheggio

Mercato, meno posti e più parcheggio
09 Giugno 2017 ore 22:43

BIELLA – Come rilanciare il mercato: mentre da una parte la politica, con la proposta del capogruppo di Articolo 1 Mdp, Doriano Raise, ragiona sulla possibilità riportare le bancarelle in centro, gli ambulanti rilanciano chiedendo una vera e propria “ristrutturazione” degli spazi di piazza Falcone.In un documento sottoposto all’assessore Stefano La Malfa e al suo dirigente, Massimo Migliorini, Anva, associazione nazionale commercio su aree pubbliche, Confesercenti e Apa Biella, ovvero l’associazione provinciale ambulanti, hanno illustrato una serie di proposte per rilanciare il mercato di piazza Falcone. Con “Il mercato che vorremmo” l’idea è quella di raggruppare i banchi e creare nuovi parcheggi e un’area verde con giochi per bambini a sud della piazza.«Da un breve sondaggio tra gli ambulanti – ha spiegato ieri in conferenza stampa Davide Ferla, coordinatore sindacale di Confesercenti – è emersa l’assoluta necessità di compattare le file eliminando gli spazi vuoti».I posti liberi, attualmente, in piazza Falcone sono parecchi. «Su 244 stalli a disposizione – ha detto ancora Ferla – il lunedì ce ne sono 53 vuoti, il giovedì 76 e il sabato 59». La proposta degli ambulanti è quella di abolire 46 stalli a sud della piazza e creare un centinaio di parcheggi auto e un’area verde, magari con qualche gioco per bambini. A chi, attualmente, occupa gli stalli nella zona che verrà abolita, verrà proposto un posto più a nord, quindi anche più appetibile. «In questo modo – ha spiegato Ferla – non solo il mercato risulterebbe più compatto, meno dispersivo, con molti meno spazi vuoti, ma si creerebbero parcheggi anche a sud. Questi saranno posti auto sicuri, anche per gli anziani, che non sarebbero costretti, come oggi, ad attraversare la strada per raggiungere le bancarelle. Inoltre avanzerebbero comunque alcuni posti liberi per eventuali spuntisti interessati al mercato biellese durante i tre giorni».Merce usata: un problema. Il rappresentante di Apa, Sergio Mauretto, in conferenza stampa ha anche sollevato un secondo problema: «Il commercio di articoli usati deve essere regolamentato meglio – ha detto -. Gli abiti usati, prima di essere messi in vendita vanno lavati, sterilizzati e confezionati. Così non va bene: la vendita di merce usata va trattata in modo diverso e questo non va sottovalutato. Servono più controlli, anche da parte degli agenti di Polizia municipale».Shama Ciocchetti

BIELLA – Come rilanciare il mercato: mentre da una parte la politica, con la proposta del capogruppo di Articolo 1 Mdp, Doriano Raise, ragiona sulla possibilità riportare le bancarelle in centro, gli ambulanti rilanciano chiedendo una vera e propria “ristrutturazione” degli spazi di piazza Falcone.In un documento sottoposto all’assessore Stefano La Malfa e al suo dirigente, Massimo Migliorini, Anva, associazione nazionale commercio su aree pubbliche, Confesercenti e Apa Biella, ovvero l’associazione provinciale ambulanti, hanno illustrato una serie di proposte per rilanciare il mercato di piazza Falcone. Con “Il mercato che vorremmo” l’idea è quella di raggruppare i banchi e creare nuovi parcheggi e un’area verde con giochi per bambini a sud della piazza.«Da un breve sondaggio tra gli ambulanti – ha spiegato ieri in conferenza stampa Davide Ferla, coordinatore sindacale di Confesercenti – è emersa l’assoluta necessità di compattare le file eliminando gli spazi vuoti».I posti liberi, attualmente, in piazza Falcone sono parecchi. «Su 244 stalli a disposizione – ha detto ancora Ferla – il lunedì ce ne sono 53 vuoti, il giovedì 76 e il sabato 59». La proposta degli ambulanti è quella di abolire 46 stalli a sud della piazza e creare un centinaio di parcheggi auto e un’area verde, magari con qualche gioco per bambini. A chi, attualmente, occupa gli stalli nella zona che verrà abolita, verrà proposto un posto più a nord, quindi anche più appetibile. «In questo modo – ha spiegato Ferla – non solo il mercato risulterebbe più compatto, meno dispersivo, con molti meno spazi vuoti, ma si creerebbero parcheggi anche a sud. Questi saranno posti auto sicuri, anche per gli anziani, che non sarebbero costretti, come oggi, ad attraversare la strada per raggiungere le bancarelle. Inoltre avanzerebbero comunque alcuni posti liberi per eventuali spuntisti interessati al mercato biellese durante i tre giorni».Merce usata: un problema. Il rappresentante di Apa, Sergio Mauretto, in conferenza stampa ha anche sollevato un secondo problema: «Il commercio di articoli usati deve essere regolamentato meglio – ha detto -. Gli abiti usati, prima di essere messi in vendita vanno lavati, sterilizzati e confezionati. Così non va bene: la vendita di merce usata va trattata in modo diverso e questo non va sottovalutato. Servono più controlli, anche da parte degli agenti di Polizia municipale».Shama Ciocchetti

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità