Mercati in città, via alla rivoluzione

Mercati in città, via alla rivoluzione
Altro 20 Ottobre 2016 ore 14:46

BIELLA - Via i mercati rionali e riorganizzazione delle varie aree mercatali sparse per la città. E’ questo il sunto della delibera comunale che andrà in discussione il prossimo consiglio, fissato per martedì 26 ottobre a Palazzo Oropa. Partendo dalla premessa che attualmente i mercati cittadini risultano interessati, a seguito della mancanza di numerosi operatori, da una disarticolazione della propria struttura con particolare riferimento ai settori almentari ormai storicamente consolidatisi in numeri di operatori nettamente inferiori rispetto al passato e valutato che, per quanto concerne i mercati di piazza Falcone e piazza Martiri della Libertà, a fronte di una minore richiesta da parte di operatori del settore alimentare si è riscontrato un aumento di domanda da parte dei produttori agricoli, il Comune propone le sue modifiche, valutando  opportuno procedere, per il mercato di Piazza Falcone, alla riconversione di 4 posteggi riservati al settore alimentare in altrettanti posti riservati ai produttori agricoli e, per il merctao di Piazza Martiri della Libertà, alla riconversione di un  posteggio riservato agli operatori del settore alimentare in posteggio riservato ai produttori agricoli.

Inoltre, nel corso degli anni i nove mercati rionali ancora formalmente costituiti hanno perso l’interesse degli stessi operatori, risultando che per gli stessi rimangono solo due concessionari. Per questi motivi si è valutata la decisione di sopprimere i nove mercati rionali istituendo contestualmente in dette aree zone di sosta prolungata – con l’aggiunta di Piazza Unità d’Italia – per salvaguardare l’interesse degli operatori commerciali e della cittadinanza.

Risultano così soppressi i mercati cittadini di Biella/Chiavazza in Piazza Don Gatto nelle giornate di martedì/giovedì/sabato, di Biella/Pavignano in via Ciapeia nelle giornate di martedì/sabato, di Biella/Pavignano svolgentesi al Villaggio Gescal nella giornata del giovedì, di Biella/Vernato svolgentesi in Piazza Cossato,  di via Ponderano nelle giornate di martedì/giovedì, di Biella/Piazzo nelle giornate di mertedì/mercoledì/venerdì, di via Asmara di venerdì, di piazza Polenta nella giornata di venerdì, di Cossila San Giovanni nell’area antistante la chiesa  nella giornata di lunedì. Sono poi state individuate le seguenti  zone di sosta prolungata, in aggiunta a quelle precedenti. 2  posti a Biella/Chiavazza, piazza Don Gatto,  2  posti Biella/Pavignano, via Ciapeia,  2  posti Biella/Pavignano, Villaggio Gescal,  1  posto in via Ponderano, Villaggio La Marmora,   2  posti Biella/Piazzo, piazza Cisterna,   2  posti via Asmara,  2  posti Biella/Vandorno, piazza Polenta,  1  posto Cossila S. Giovanni, area antistante la chiesa,  2  posti piazza Unità d’Italia. Insomma, una vera e propria rivoluzione per quanto concerne l’organizzazione della rete mercatale cittadina. Anche se l’ultima parola spetta al consiglio comunale che si riunirà il prossimo martedì a Palazzo Oropa.

Enzo Panelli

BIELLA - Via i mercati rionali e riorganizzazione delle varie aree mercatali sparse per la città. E’ questo il sunto della delibera comunale che andrà in discussione il prossimo consiglio, fissato per martedì 26 ottobre a Palazzo Oropa. Partendo dalla premessa che attualmente i mercati cittadini risultano interessati, a seguito della mancanza di numerosi operatori, da una disarticolazione della propria struttura con particolare riferimento ai settori almentari ormai storicamente consolidatisi in numeri di operatori nettamente inferiori rispetto al passato e valutato che, per quanto concerne i mercati di piazza Falcone e piazza Martiri della Libertà, a fronte di una minore richiesta da parte di operatori del settore alimentare si è riscontrato un aumento di domanda da parte dei produttori agricoli, il Comune propone le sue modifiche, valutando  opportuno procedere, per il mercato di Piazza Falcone, alla riconversione di 4 posteggi riservati al settore alimentare in altrettanti posti riservati ai produttori agricoli e, per il merctao di Piazza Martiri della Libertà, alla riconversione di un  posteggio riservato agli operatori del settore alimentare in posteggio riservato ai produttori agricoli.

Inoltre, nel corso degli anni i nove mercati rionali ancora formalmente costituiti hanno perso l’interesse degli stessi operatori, risultando che per gli stessi rimangono solo due concessionari. Per questi motivi si è valutata la decisione di sopprimere i nove mercati rionali istituendo contestualmente in dette aree zone di sosta prolungata – con l’aggiunta di Piazza Unità d’Italia – per salvaguardare l’interesse degli operatori commerciali e della cittadinanza.

Risultano così soppressi i mercati cittadini di Biella/Chiavazza in Piazza Don Gatto nelle giornate di martedì/giovedì/sabato, di Biella/Pavignano in via Ciapeia nelle giornate di martedì/sabato, di Biella/Pavignano svolgentesi al Villaggio Gescal nella giornata del giovedì, di Biella/Vernato svolgentesi in Piazza Cossato,  di via Ponderano nelle giornate di martedì/giovedì, di Biella/Piazzo nelle giornate di mertedì/mercoledì/venerdì, di via Asmara di venerdì, di piazza Polenta nella giornata di venerdì, di Cossila San Giovanni nell’area antistante la chiesa  nella giornata di lunedì. Sono poi state individuate le seguenti  zone di sosta prolungata, in aggiunta a quelle precedenti. 2  posti a Biella/Chiavazza, piazza Don Gatto,  2  posti Biella/Pavignano, via Ciapeia,  2  posti Biella/Pavignano, Villaggio Gescal,  1  posto in via Ponderano, Villaggio La Marmora,   2  posti Biella/Piazzo, piazza Cisterna,   2  posti via Asmara,  2  posti Biella/Vandorno, piazza Polenta,  1  posto Cossila S. Giovanni, area antistante la chiesa,  2  posti piazza Unità d’Italia. Insomma, una vera e propria rivoluzione per quanto concerne l’organizzazione della rete mercatale cittadina. Anche se l’ultima parola spetta al consiglio comunale che si riunirà il prossimo martedì a Palazzo Oropa.

Enzo Panelli