Altro

Massimo Stocchero, una vita per la musica

Massimo Stocchero, una vita per la musica
Altro Grande Biella, 20 Dicembre 2012 ore 10:57

«Arrivato a metà (spero) della mia vita ho deciso che fosse giunto il momento di vivere in modo più sereno, di vivere un sogno». Così Massimo Stocchero (nella foto), all’epoca cinquantunenne, raccontava ad “Eco” la scelta di lasciare il suo lavoro di impiegato amministrativo (professione svolta per oltre 35 anni in un’azienda tessile biellese) per diventare libraio, rilevando la libreria Arcadia di Cossato. Era il 16 maggio del 2011.
Il suo sogno è durato poco e si è infranto nel primo pomeriggio di domenica, giorno del suo 53° compleanno, a causa di un malore che lo ha colto all’improvviso e all’improvviso se l’è portato via durante un’escursione in bici, in regione Castello, a Lessona, lungo un percorso che ben conosceva.

«Arrivato a metà (spero) della mia vita ho deciso che fosse giunto il momento di vivere in modo più sereno, di vivere un sogno». Così Massimo Stocchero (nella foto), all’epoca cinquantunenne, raccontava ad “Eco” la scelta di lasciare il suo lavoro di impiegato amministrativo (professione svolta per oltre 35 anni in un’azienda tessile biellese) per diventare libraio, rilevando la libreria Arcadia di Cossato. Era il 16 maggio del 2011.
Il suo sogno è durato poco e si è infranto nel primo pomeriggio di domenica, giorno del suo 53° compleanno, a causa di un malore che lo ha colto all’improvviso e all’improvviso se l’è portato via durante un’escursione in bici, in regione Castello, a Lessona, lungo un percorso che ben conosceva.
Una delle sue grandi passioni, la bicicletta. Come i libri e la musica. Ed è proprio grazie alla musica che Massimo Stocchero era molto conosciuto e apprezzato. Per la sua esperienza cantautorale, con gli album "Il contadino pazzo" e "Gli amici, la vita e altro". E per la sua attività di giornalista pubblicista (ha collaborato per Il Biellese, il Corriere di Novara e, in tempi recenti, anche con Eco di Biella), che lo ha portato a recensire concerti e a intervistare tutti i più “grandi” della musica italiana.
I funerali si sono svolti martedì pomeriggio a Caltignaga, il comune del Novarese nel quale viveva da tempo con l’amata moglie Assunta.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter