Lotta agli incivili dopo gli abbandoni

Lotta agli incivili dopo gli abbandoni
Altro 11 Marzo 2016 ore 15:21

BIELLA - Continuano le segnalazioni legate all’abbandono dei rifiuti in città. Dopo l’interrogazione presentata domenica il capogruppo di Fratelli d’Italia, Andrea Delmastro, torna alla carica, questa volta spostando l’obiettivo da via Gramsci a via Conciatori, al Vernato. «Anche in questo caso rifiuti abbandonati – sentenzia Delmastro - e questa volta non si tratta di plastica, come nel caso precedente. Vorrei sapere se il Comune era a conoscenza del problema e se ha sanzionato qualcuno. Inoltre ribadisco la mia richiesta di sapere se non si intenda prendere in considerazione la modifica dell’attuale raccolta dei rifiuti che, dopo l’avvento della tariffa puntuale, sta creando non pochi problemi di igiene e decoro in tutta quanta la città di Biella».

Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale, attraverso la propria pagina di Facebook, aveva fatto rilevare: «Hanno fatto notizia sui social network e sui giornali i sacchi di spazzatura lasciati sui marciapiedi del centro nel weekend. Quelli mostrati nelle fotografie sono soprattutto sacchi gialli della plastica, ovvero quelli usati per la differenziata che vanno portati in strada una volta la settimana in coincidenza con il giorno settimanale di ritiro, come accade d'abitudine ormai da anni. Chiediamo ai cittadini lo sforzo di portarli in strada il più tardi possibile: per esempio nel centro storico il giorno di ritiro è il lunedì mattina e i sacchi andrebbero esposti o la mattina presto o la sera prima e non troppo in anticipo, anche per non essere di tentazione ai vandali, come è accaduto proprio in questo weekend».

Poi la richiesta: «Grazie per la collaborazione e se foste testimoni di problemi,  abbandoni o spazzatura estratta dai sacchetti e sparsa in strada, scrivete un post su questa pagina e contrassegnatelo con l'hashtag #segnalaloaBiella». Secondo l’assessore all’ambiente Diego Presa «vanno potenziati i controlli e le sanzioni per gli abbandoni, ma questi non possono essere ascrivibili alla tariffa puntuale che sta dando ottimi risultati in termini di percentuale di raccolta differenziata, come certificato dal 70 per cento raggiunto a febbraio».

Enzo Panelli

BIELLA - Continuano le segnalazioni legate all’abbandono dei rifiuti in città. Dopo l’interrogazione presentata domenica il capogruppo di Fratelli d’Italia, Andrea Delmastro, torna alla carica, questa volta spostando l’obiettivo da via Gramsci a via Conciatori, al Vernato. «Anche in questo caso rifiuti abbandonati – sentenzia Delmastro - e questa volta non si tratta di plastica, come nel caso precedente. Vorrei sapere se il Comune era a conoscenza del problema e se ha sanzionato qualcuno. Inoltre ribadisco la mia richiesta di sapere se non si intenda prendere in considerazione la modifica dell’attuale raccolta dei rifiuti che, dopo l’avvento della tariffa puntuale, sta creando non pochi problemi di igiene e decoro in tutta quanta la città di Biella».

Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale, attraverso la propria pagina di Facebook, aveva fatto rilevare: «Hanno fatto notizia sui social network e sui giornali i sacchi di spazzatura lasciati sui marciapiedi del centro nel weekend. Quelli mostrati nelle fotografie sono soprattutto sacchi gialli della plastica, ovvero quelli usati per la differenziata che vanno portati in strada una volta la settimana in coincidenza con il giorno settimanale di ritiro, come accade d'abitudine ormai da anni. Chiediamo ai cittadini lo sforzo di portarli in strada il più tardi possibile: per esempio nel centro storico il giorno di ritiro è il lunedì mattina e i sacchi andrebbero esposti o la mattina presto o la sera prima e non troppo in anticipo, anche per non essere di tentazione ai vandali, come è accaduto proprio in questo weekend».

Poi la richiesta: «Grazie per la collaborazione e se foste testimoni di problemi,  abbandoni o spazzatura estratta dai sacchetti e sparsa in strada, scrivete un post su questa pagina e contrassegnatelo con l'hashtag #segnalaloaBiella». Secondo l’assessore all’ambiente Diego Presa «vanno potenziati i controlli e le sanzioni per gli abbandoni, ma questi non possono essere ascrivibili alla tariffa puntuale che sta dando ottimi risultati in termini di percentuale di raccolta differenziata, come certificato dal 70 per cento raggiunto a febbraio».

Enzo Panelli