Altro

Le immagini della Tappa 7 della Staffetta Alpina Aosta Bard-Sagliano Biella

Le immagini della  Tappa 7 della Staffetta Alpina Aosta Bard-Sagliano Biella
Altro Biella Città, 12 Giugno 2022 ore 21:26

La settima tappa della Staffetta Alpina è partita da Aosta, dallo splendido Castello Cantore, sede del Centro Addestramento Alpino (la scuola militare di montagna delle Truppe Alpine dell’Esercito) per poi raggiungere il Biellese, Sagliano Micca e Biella in particolare.

La tappa intermedia al Forte di Bard

Prima ha però puntato verso sud, per raggiungere l’imponente Forte di Bard, attraversando prima gli abitati di Perloz (lungo l’alta via numero 1 della gara di endurance Tor des Géants), Donnas e Saint Christophe.

Bard, come Aosta, fu sede di una delle prime quindici compagnie alpine costituite nel 1873. Quella di Aosta, l’8^, aveva per mandamenti di reclutamento Aosta stessa più Morgex, Gignod e Quart; la 9^ invece arruolava i giovani di Chatillon, Verres, Donnaz, Settimo Vittone e Vico. Per entrambe, la zona di studio era la Valle della Dora Baltea.

"Una tappa iniziata con un forte rimando alle origini del Corpo, corsa tra l’altro da giovani corridori appartenenti a una delle eccellenze sportive del nostro Esercito: la Sezione Sport Invernali del Centro Sportivo Esercito - sottolineano dal Corpo degli Alpini -  A correre al seguito della fiaccola, oltre al generale Marcello Orsi, anche i pluri-campioni del mondo e atleti olimpici Gloriana Pellissier (più volte campionessa mondiale di sci apinismo), Francesco De Fabiani (olimpionico a Sochi 2014 nello sci di fondo), Michael Durand (biathlon, bronzo ai campionati mondiali juniores) e Federica Cassol (atleta emergente del fondo a livello internazionale), più il maggiore Stefano Cordaro che a breve partirà per una spedizione tutta italiana in Perù, alla conquista di una delle cime della Cordillera Blanca, la catena montuosa più alta (in media) del continente americano. Erano presenti alla corsa numerosi giovani che stanno formandosi sulle cime della Valle d’Aosta per diventare Alpini, frequentando il cosiddetto MITALP, il modulo integrativo Truppe Alpine".

Direzione Sagliano Micca, con il capitano biellese Enrico Di Marco

Il Forte di Bard, a sinistra della Dora Baltea, ospita il Museo delle Alpi e oggi è stato lo sfondo per la restituzione della fiaccola alla brigata Taurinense, per il prosieguo della tappa in Piemonte, in particolare verso Sagliano Micca e Biella. A prendere le consegne, il biellese capitano Enrico Di Marco e il torinese caporal maggiore capo Giuseppe Calluso del Reparto Comando, assieme agli alpini Alberto Ferraris, Giancarlo Guerra, Tiziano Berra, Franco Gnoato e l’amico degli alpini Stefano Bovio.

Sagliano Micca – Biella

Sagliano è famosa per aver dato i natali a Pietro Micca, ed è nota tra gli Alpini per essere il luogo di provenienza del loro cappello di feltro grigio-verde, realizzato con pelo di coniglio, attraverso un complesso procedimento.

A Sagliano è attivo il cappellificio Cervo, che vanta una lunghissima tradizione nel produrre gli inconfondibili copricapi da sempre simbolo del Corpo. In realtà la foggia attuale fu adottata solo nel 1910, perché in origine il cappello era una bombetta nera “alla calabrese”, più rigida e pesante, comunque ornata dalla penna nera innestata su una coccarda tricolore.

Il Cappellificio Cervo e il modello Bantam

16 foto Sfoglia la gallery

Migliaia di cappelli sono stati fabbricati a Sagliano, specialmente il modello Bantam, che deve il nome a una categoria di pesi leggeri della boxe. Il segmento Sagliano-Biella è iniziato proprio dallo stabilimento, per snodarsi lungo la casa natale di Pietro Micca, il monumento ai Caduti di Andorno e la piazza intitolata agli Alpini d’Italia a Tollegno. L’arrivo a Biella – la cui provincia è gemellata con la brigata alpina Taurinense - lungo la via Italia è stato salutato da numerose persone, soprattutto ai giardini Zumaglini, dove fa bella mostra di sé una notevole statua realizzata dallo scultore Pietro Canonica: il binomio alpino-mulo, dedicato ai Caduti biellesi nella Grande Guerra. La figura del mulo, fedele compagno d’armi delle penne nere, è analoga a quella presente a Villa Borghese a Roma, dovuta sempre al Canonica, che adoperò come modella per la scultura la mula Scudéla, che nel 1918 fu decorata al valore per aver guidato gli artiglieri da montagna della sua batteria nel punto dove era morto il suo conducente, in una delle battaglie della Grande Guerra.

La Sezione Ana di Biella candidaata per l'Adubata 2024

La tappa odierna si è conclusa presso la Sezione di Biella dell’Associazione Nazionale Alpini, che si è candidata ad ospitare l’Adunata 2024 e ha esposto in piazza Adua una grande penna in alluminio alta 15 metri che riporta i nomi di tutte le Regioni italiane, a sostegno della candidatura.

Sulle note suonate dalla fanfara degli alpini di Biella, presenti il generale Nicola Piasente, il presidente degli alpini biellesi Marco Fulcheri e il sindaco Claudio Corradino – si è svolta presso la sede dell’ANA la consegna della fiaccola della tradizione al colonnello Alberto Autunno, comandante del 32° reggimento genio guastatori della Taurinense, che domani guiderà la staffetta da Domodossola a Intra, alla quale parteciperà anche l’alpino Giacomo Gambarri, classe 1941, del gruppo sportivo della Sezione ANA di Domodossola.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter