La Regione salva la "Lis"

Altro 29 Novembre 2011 ore 17:25

(29 nov) Una grossa boccata di ossigeno è giunta dalla Regione a sostegno del progetto di bilinguismo “Lingua italiana-lingua italiana dei segni’’. Infatti sabato durante la seconda parte della manifestazione “In-segnando apre le porte”, coordinata dalla dirigente scolastica Silvana Stesina, che si è svolta a Villa Ranzoni, l’assessore alla scuola Pier Ercole Colombo, che, da qualche tempo, assieme al sindaco Claudio Corradino ed al consigliere regionale Lorenzo Leardi, segue da vicino il problema del suo finanziamento, ha annunciato che «La giunta regionale ha deliberato un contributo per la Lis di 40 mila euro». Una grossa boccata di ossigeno è giunta dalla Regione a sostegno del progetto di bilinguismo “Lingua italiana-lingua italiana dei segni’’. Infatti sabato durante la seconda parte della manifestazione “In-segnando apre le porte”, coordinata dalla dirigente scolastica Silvana Stesina, che si è svolta a Villa Ranzoni, l’assessore alla scuola Pier Ercole Colombo, che, da qualche tempo, assieme al sindaco Claudio Corradino ed al consigliere regionale Lorenzo Leardi, segue da vicino il problema del suo finanziamento, ha annunciato che «La giunta regionale ha deliberato un contributo per la Lis di 40 mila euro». Ma questo stanziamento, che in passato era di 60 mila euro all’anno e che, per il 2011, non c’era, non tranquillizza del tutto i responsabili del progetto, ma soprattutto, i bambini sordi e le loro famiglie, gli insegnanti e gli interpreti “Lis”. Durante la tavola rotonda, infatti, tutti gli intervenuti hanno auspicato che il Parlamento e la Regione approvino una legge, con la quale si riconosca il bilinguismo una materia curriculare, per poter contare su finanziamenti sicuri. La spesa annua di gestione è di circa 200 mila euro e, ogni anno, da 17 anni, vi contribuiscono: la Regione, la Provincia di Biella, il Comune, la Fondazione Crb, i consorzi Iris e Cissabo e i Comuni di residenza degli alunni sordi, che, in media, sono una quindicina per quanto riguarda la materna, le elementari e le medie. Si conta di poter recuperare, dagli altri enti, i 20 mila euro mancanti. Erano presenti, fa gli altri: il senatore Gilberto Pichetto, l’assessore provinciale alla scuola Mariella Biollino, il consigliere regionale e provinciale Wilmer Ronzani ed i tecnici ed ideatori del progetto, unico in Italia.

29 novembre 2011