La pace persa cent’anni fa e quegli 11 primi caduti biellesi

La pace persa cent’anni fa e quegli 11 primi caduti biellesi
Altro 25 Maggio 2015 ore 13:58

Si sono ritrovati al monumento dei caduti del proprio paese tutti i 73 gruppi degli alpini della sezione di Biella. Si sono ritrovati per rendere omaggio ai caduti della Grande Guerra in concomitanza, sabato, con l’ultimo giorno di pace. Con la puntualità che contraddistingue le penne nere, alle 18, all’unisono, sono partite le note del Silenzio. Poi la posa delle corone d’alloro, la benedizione dei parroci e la lettura del messaggio del presidente Marco Fulcheri affidata ai vari capigruppo. «Carissimi alpini e amici che avete voluto condividere con noi questo momento, ci siamo riuniti questa sera, 23 maggio - si legge nel messaggio -, per ricordare l’ultimo giorno di pace di cento anni fa e per dedicarlo ai tanti ragazzi che dal 24 sarebbero partiti dai nostri paesi senza poi farvi ritorno. Che questa semplice cerimonia, che si sta svolgendo in tutti i gruppi della sezione di Biella, celebri la lezione che ci hanno lasciato, lezione scritta con il loro sangue, che ci parla di spirito di sacrificio, senso del dovere e che mai come oggi dobbiamo diffondere e soprattutto mettere in pratica...». 

A Valdengo (vedi fotogallery) sono state anche inaugurate le targhe apposte all’entrata delle aule scolastiche per ricordare e onorare i caduti della prima e della seconda guerra mondiale “che hanno combattuto per gli ideali di libertà e democrazia”. 

Enzo Panelli

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 25 maggio 2015

Si sono ritrovati al monumento dei caduti del proprio paese tutti i 73 gruppi degli alpini della sezione di Biella. Si sono ritrovati per rendere omaggio ai caduti della Grande Guerra in concomitanza, sabato, con l’ultimo giorno di pace. Con la puntualità che contraddistingue le penne nere, alle 18, all’unisono, sono partite le note del Silenzio. Poi la posa delle corone d’alloro, la benedizione dei parroci e la lettura del messaggio del presidente Marco Fulcheri affidata ai vari capigruppo. «Carissimi alpini e amici che avete voluto condividere con noi questo momento, ci siamo riuniti questa sera, 23 maggio - si legge nel messaggio -, per ricordare l’ultimo giorno di pace di cento anni fa e per dedicarlo ai tanti ragazzi che dal 24 sarebbero partiti dai nostri paesi senza poi farvi ritorno. Che questa semplice cerimonia, che si sta svolgendo in tutti i gruppi della sezione di Biella, celebri la lezione che ci hanno lasciato, lezione scritta con il loro sangue, che ci parla di spirito di sacrificio, senso del dovere e che mai come oggi dobbiamo diffondere e soprattutto mettere in pratica...». 

A Valdengo (vedi fotogallery) sono state anche inaugurate le targhe apposte all’entrata delle aule scolastiche per ricordare e onorare i caduti della prima e della seconda guerra mondiale “che hanno combattuto per gli ideali di libertà e democrazia”. 

>>> clicca per vedere ttute le immagini

Enzo Panelli

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 25 maggio 2015