La laparoscopia a servizio dell’urologia

La laparoscopia a servizio dell’urologia
Altro 19 Maggio 2016 ore 12:59

BIELLA - È stato dimesso martedì, dopo quattro giorni di degenza, il primo paziente che nei giorni scorsi ha subito un delicato intervento urologico interamente in laparoscopia. Stefano Zaramella, neo direttore dell’urologia dell’Asl di Biella ha, infatti, eseguito l’11 maggio scorso una prostatectomia radicale per un tumore della prostata su un paziente particolarmente delicato, che per altro già in passato era stato operato, sempre alla prostata.  Intervento eseguito con l’ausilio di questa tecnica in cui il chirurgo interviene senza dover incidere la cute.

«I vantaggi sono evidenti e ormai consolidati – spiega Zaramella -  la chirurgia laparoscopica oltre ad evitare grosse dolorose ferite chirurgiche determina una riduzione significativa del sanguinamento post-operatorio, del dolore, della degenza ospedaliera con un più veloce ritorno alle normali attività quotidiane. I risultati oncologici sulla cura delle neoplasie sono sovrapponibili alla tecnica a cielo aperto. L'accuratezza delle dissezione chirurgica in laparoscopica consente un generale miglioramento dei risultati funzionali, per esempio nella chirurgia della prostata per tumore contiene i rischi di incontinenza e di deficit erettile».

Leggi di più sull'Eco di Biella di giovedì 19 maggio 2016

BIELLA - È stato dimesso martedì, dopo quattro giorni di degenza, il primo paziente che nei giorni scorsi ha subito un delicato intervento urologico interamente in laparoscopia. Stefano Zaramella, neo direttore dell’urologia dell’Asl di Biella ha, infatti, eseguito l’11 maggio scorso una prostatectomia radicale per un tumore della prostata su un paziente particolarmente delicato, che per altro già in passato era stato operato, sempre alla prostata.  Intervento eseguito con l’ausilio di questa tecnica in cui il chirurgo interviene senza dover incidere la cute.

«I vantaggi sono evidenti e ormai consolidati – spiega Zaramella -  la chirurgia laparoscopica oltre ad evitare grosse dolorose ferite chirurgiche determina una riduzione significativa del sanguinamento post-operatorio, del dolore, della degenza ospedaliera con un più veloce ritorno alle normali attività quotidiane. I risultati oncologici sulla cura delle neoplasie sono sovrapponibili alla tecnica a cielo aperto. L'accuratezza delle dissezione chirurgica in laparoscopica consente un generale miglioramento dei risultati funzionali, per esempio nella chirurgia della prostata per tumore contiene i rischi di incontinenza e di deficit erettile».

Leggi di più sull'Eco di Biella di giovedì 19 maggio 2016