La funicolare sarà automatizzata

La funicolare sarà automatizzata
Altro 25 Giugno 2015 ore 21:47

BIELLA  - Nonostante le mille polemiche legate al progetto di rifacimento della funicolare del Piazzo la giunta tira dritto per la sua strada. Nella seduta di lunedì scorso, infatti, è stato approvato il progetto preliminare. Un intervento che prevede la sostituzione dell'attuale meccanismo di funzionamento con un motore da ascensore inclinato. Il progetto, redatto dagli ingegneri Carlo Fuselli (della Dimensione Ingenierie di Torino) e Marco Petrella, direttore d'esercizio dell'impianto biellese, prevede una spesa di 1,2 milioni di euro e assolve alla necessità tecnica della revisione completa della struttura, scaduto il termine del “fine vita” ventennale. Un termine che è stato prorogato di sei mesi circa, a fronte di lavori di manutenzione straordinaria compiuti in primavera, per arrivare al 31 ottobre, ovvero al termine di Expo 2015 e della Passione di Sordevolo, con il probabile maggior flusso di visitatori nel Biellese che porteranno.

BIELLA  - Nonostante le mille polemiche legate al progetto di rifacimento della funicolare del Piazzo la giunta tira dritto per la sua strada. Nella seduta di lunedì scorso, infatti, è stato approvato il progetto preliminare. Un intervento che prevede la sostituzione dell'attuale meccanismo di funzionamento con un motore da ascensore inclinato. Il progetto, redatto dagli ingegneri Carlo Fuselli (della Dimensione Ingenierie di Torino) e Marco Petrella, direttore d'esercizio dell'impianto biellese, prevede una spesa di 1,2 milioni di euro e assolve alla necessità tecnica della revisione completa della struttura, scaduto il termine del “fine vita” ventennale. Un termine che è stato prorogato di sei mesi circa, a fronte di lavori di manutenzione straordinaria compiuti in primavera, per arrivare al 31 ottobre, ovvero al termine di Expo 2015 e della Passione di Sordevolo, con il probabile maggior flusso di visitatori nel Biellese che porteranno.

In autunno quindi si potrà partire con i lavori che - progetto alla mano - prevedono, oltre alla sostituzione del motore e all'adeguamento dei binari, l'abbattimento delle barriere architettoniche soprattutto nella stazione di monte, dove il punto di arrivo sarà rialzato. «Il progetto contenuto in questa delibera - sottolinea l'assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero - ufficializza una scelta tecnica da parte dell'amministrazione, e cioé quella di sostituire l'attuale meccanismo di funzionamento con il motore di un ascensore inclinato. Restano aperte, e saranno oggetto di discussione e confronto nei prossimi mesi, le questioni relative alla gestione, all'orario di funzionamento, alla sorveglianza e alla possibilità di rendere il servizio gratuito o di mantenerlo a pagamento». L'adeguamento tecnico della funicolare dovrebbe richiedere tra i tre e i quattro mesi. Con la chiusura prevista il 1 novembre, quindi, l'impianto dovrebbe tornare a viaggiare nella primavera del 2016.