Menu
Cerca

La centrale idroelettrica restaura le cappelle di Oropa

La centrale idroelettrica restaura le cappelle di Oropa
Altro 06 Aprile 2016 ore 17:57

BIELLA - Sarà a carico di Centrale Oropa, la società che gestisce la centrale idroelettrica nell'area del Santuario, il restauro di sei delle cappelle del Sacro Monte. La Giunta ha preso atto, nella seduta di lunedì, del progetto definitivo, redatto dall'architetto Alberto Pomaro e ora spetterà ai dirigenti dell'ufficio tecnico seguire l'iter per ottenere le restanti autorizzazioni, prima fra tutte la Soprintendenza alle Belle Arti.

L'intervento, dal valore di 300mila euro, riguarda lavori da eseguire principalmente sulle coperture, «anche per mettere in sicurezza» come si legge nella delibera «le volte affrescate e il patrimonio statuario conservato, e sul consolidamento e risanamento dei rivestimenti esterni». Le cappelle interessate dal restauro saranno quella della Natività di Maria, quella della Presentazione di Maria al Tempio, quella dello Sposalizio, quella della Visitazione, quella delle Nozze di Cana e quella di San Fermo.

«Questo intervento - spiega l'assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero - è una compensazione prevista fin dalla firma per l'autorizzazione dell'impianto, che ha avuto il via libera nel 2011. L'accordo prevedeva che le compensazioni stesse a cui l'autorizzazione era subordinata riguardassero interventi per la conservazione di beni storico-artistici e paesaggistici dell'area, che è patrimonio dell'Unesco».

L'iter che portò alla costruzione della centrale idroelettrica sul torrente Oropa risale al 2010-2012: l'autorizzazione firmata dalla Provincia è del 2 agosto 2012.

BIELLA - Sarà a carico di Centrale Oropa, la società che gestisce la centrale idroelettrica nell'area del Santuario, il restauro di sei delle cappelle del Sacro Monte. La Giunta ha preso atto, nella seduta di lunedì, del progetto definitivo, redatto dall'architetto Alberto Pomaro e ora spetterà ai dirigenti dell'ufficio tecnico seguire l'iter per ottenere le restanti autorizzazioni, prima fra tutte la Soprintendenza alle Belle Arti.

L'intervento, dal valore di 300mila euro, riguarda lavori da eseguire principalmente sulle coperture, «anche per mettere in sicurezza» come si legge nella delibera «le volte affrescate e il patrimonio statuario conservato, e sul consolidamento e risanamento dei rivestimenti esterni». Le cappelle interessate dal restauro saranno quella della Natività di Maria, quella della Presentazione di Maria al Tempio, quella dello Sposalizio, quella della Visitazione, quella delle Nozze di Cana e quella di San Fermo.

«Questo intervento - spiega l'assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero - è una compensazione prevista fin dalla firma per l'autorizzazione dell'impianto, che ha avuto il via libera nel 2011. L'accordo prevedeva che le compensazioni stesse a cui l'autorizzazione era subordinata riguardassero interventi per la conservazione di beni storico-artistici e paesaggistici dell'area, che è patrimonio dell'Unesco».

L'iter che portò alla costruzione della centrale idroelettrica sul torrente Oropa risale al 2010-2012: l'autorizzazione firmata dalla Provincia è del 2 agosto 2012.