«Io dormo sulla schiena»

«Io dormo sulla schiena»
Altro 13 Novembre 2015 ore 17:15

Mille body che riportano la scritta “Io dormo sulla schiena” sono stati consegnati dai Rotary di Biella, della Valsesia e di Valle Mosso all’ospedale degli Infermi, per essere regalati ai bambini che vengono al mondo proprio nel nosocomio biellese e negli ospedali del quadrante. 

Si tratta di un’iniziativa di educazione sanitaria per la prevenzione della morte in culla, come spiegano Carlo Boccacino, presidente del Rotary Club di Biella e Pier Giacomo Borsetti, presidente del Rotary Club di Valle Mosso: «Il progetto, realizzato insieme al Rotary Club della Valsesia, è consistito nella creazione di circa 5.100 tutine bianche che riportano la scritta “Io dormo sulla schiena” e che abbiamo distribuito, con l’interessamento di altri Rotary del nord est del Piemonte, in diversi punti nascita: Biella, Borgosesia, Borgomanero, Novara, Arona, Verbania, Domodossola e Stresa. 

L’idea è stata quella di diffondere in modo alternativo un messaggio di per sé semplice, ma che, al tempo stesso, può ridurre il rischio di morte in culla. Facendo dormire sulla schiena i neonati, infatti, il numero delle morti in culla passa da 1 bambino ogni 1.000 ad 1 bambino ogni 10.000. Un ringraziamento va all’Asl di Biella, che ha accolto la nostra iniziativa, e alle ditte private che hanno messo a disposizione, a costi ridotti, i materiali per realizzare i body, stampare le scritte e per il confezionamento». 

L’Azienda sanitaria locale di Biella ha accolto con entusiasmo l’idea dei Rotary e in questi giorni le tutine cominciano ad essere distribuite alle mamme che partoriscono presso la Struttura di ostetricia e ginecologia.

Mille body che riportano la scritta “Io dormo sulla schiena” sono stati consegnati dai Rotary di Biella, della Valsesia e di Valle Mosso all’ospedale degli Infermi, per essere regalati ai bambini che vengono al mondo proprio nel nosocomio biellese e negli ospedali del quadrante. 

Si tratta di un’iniziativa di educazione sanitaria per la prevenzione della morte in culla, come spiegano Carlo Boccacino, presidente del Rotary Club di Biella e Pier Giacomo Borsetti, presidente del Rotary Club di Valle Mosso: «Il progetto, realizzato insieme al Rotary Club della Valsesia, è consistito nella creazione di circa 5.100 tutine bianche che riportano la scritta “Io dormo sulla schiena” e che abbiamo distribuito, con l’interessamento di altri Rotary del nord est del Piemonte, in diversi punti nascita: Biella, Borgosesia, Borgomanero, Novara, Arona, Verbania, Domodossola e Stresa. 

L’idea è stata quella di diffondere in modo alternativo un messaggio di per sé semplice, ma che, al tempo stesso, può ridurre il rischio di morte in culla. Facendo dormire sulla schiena i neonati, infatti, il numero delle morti in culla passa da 1 bambino ogni 1.000 ad 1 bambino ogni 10.000. Un ringraziamento va all’Asl di Biella, che ha accolto la nostra iniziativa, e alle ditte private che hanno messo a disposizione, a costi ridotti, i materiali per realizzare i body, stampare le scritte e per il confezionamento». 

L’Azienda sanitaria locale di Biella ha accolto con entusiasmo l’idea dei Rotary e in questi giorni le tutine cominciano ad essere distribuite alle mamme che partoriscono presso la Struttura di ostetricia e ginecologia.