Altro

«Intimidazioni ai cacciatori di cinghiali»

«Intimidazioni ai cacciatori di cinghiali»
Altro Grande Biella, 11 Giugno 2016 ore 12:00

BIELLA - Ce? chi da settimane si sta prendendo la briga di disseminare chiodi o viti bene appuntite conficcate nelle strade interpoderali: veri atti intimidatori nei confronti delle squadre di cacciatori autorizzate allabbattimento dei cinghiali che continuano a provocare gravi danni allagricoltura. Il gioco si sta facendo veramente duro. Chiodi e viti sono stati trovati in alcune strade sterrate tra Cerrione e Salussola. Ci sarebbero da tempo in corso indagini da parte dei carabinieri.

Ce? chi sospetta che gli atti di sabotaggio potrebbero averli progettati gruppi di animalisti. Risalgono dopotutto a pochi mesi or sono i litigi tra strenui difensori dei cinghiali e selecontrollori con fucile in spalla che avevano anche in questo caso costretto i carabinieri a intervenire per evitare il peggio. 

La denuncia dei presunti atti intimidatori, lha presentata direttamente Paolo Dellarole, presidente della Coldiretti di Biella e Vercelli, che ha immediatamente riferito laccaduto ai vertici della Prefettura di Biella.

«Non solo i danni da cinghiali continuano nelle due province ma, in particolare nel Biellese, si susseguono da diversi giorni atti preoccupanti, direi intimidatori nei confronti dei selecontrollori - puntualizza Dellarole - Come i chiodi o viti a punta conficcati nelle strade interpoderali, con i pericoli che tutti possono facilmente immaginare».

V.Ca. 

Leggi di più sull'Eco di Biella di sabato 11 giugno 2016 

BIELLA - C’e? chi da settimane si sta prendendo la briga di disseminare chiodi o viti bene appuntite conficcate nelle strade interpoderali: veri atti intimidatori nei confronti delle squadre di cacciatori autorizzate all’abbattimento dei cinghiali che continuano a provocare gravi danni all’agricoltura. Il gioco si sta facendo veramente duro. Chiodi e viti sono stati trovati in alcune strade sterrate tra Cerrione e Salussola. Ci sarebbero da tempo in corso indagini da parte dei carabinieri.

C’e? chi sospetta che gli atti di sabotaggio potrebbero averli progettati gruppi di animalisti. Risalgono dopotutto a pochi mesi or sono i litigi tra strenui difensori dei cinghiali e selecontrollori con fucile in spalla che avevano anche in questo caso costretto i carabinieri a intervenire per evitare il peggio. 

La denuncia dei presunti atti intimidatori, l’ha presentata direttamente Paolo Dellarole, presidente della Coldiretti di Biella e Vercelli, che ha immediatamente riferito l’accaduto ai vertici della Prefettura di Biella.

«Non solo i danni da cinghiali continuano nelle due province ma, in particolare nel Biellese, si susseguono da diversi giorni atti preoccupanti, direi intimidatori nei confronti dei selecontrollori - puntualizza Dellarole - Come i chiodi o viti a punta conficcati nelle strade interpoderali, con i pericoli che tutti possono facilmente immaginare».

V.Ca. 

Leggi di più sull'Eco di Biella di sabato 11 giugno 2016 

Seguici sui nostri canali