Insulti e schiamazzi in ospedale denunciati tre ubriachi

30 Novembre 2009 ore 13:09

(30 nov) La scorsa notte, all’una e un quarto circa, equipaggi della squadra volanti sono intervenuti al Pronto Soccorso di Biella in seguito a una segnalazione per la presenza di tre persone in evidente stato di agitazione e di ubriachezza. I tre venivano rintracciati mentre creavano disturbo ai pazienti presenti e intralcio agli operatori del 118, non permettendo loro di svolgere il proprio lavoro. Si tratta di: Francesco M., 35 anni, Sergio C., 28 anni e Ivan M. 33 anni, tutti residenti a Ivrea. (30 nov) La scorsa notte, all’una e un quarto circa, equipaggi della squadra volanti sono intervenuti al Pronto Soccorso di Biella in seguito a una segnalazione per la presenza di tre persone in evidente stato di agitazione e di ubriachezza. I tre venivano rintracciati mentre creavano disturbo ai pazienti presenti e intralcio agli operatori del 118, non permettendo loro di svolgere il proprio lavoro. Si tratta di: Francesco M., 35 anni, Sergio C., 28 anni e Ivan M. 33 anni, tutti residenti a Ivrea. I tre hanno rifiutato l’invito degli agenti di fornire i documenti e, senza alcuna motivazione, hanno minacciato e inveito nei confronti degli agenti stessi, fino ad avere atteggiamenti aggressivi con gli agenti e i medici.
Nonostante i ripetuti inviti a cessare il loro comportamento, i tre persistevano e iniziavano a discutere tra loro e ad aggredirsi nelle corsie d’ospedale.
L’equipaggio intervenuto bloccava i soggetti e li portava in questura, dove venivano denunciati in stato di libertà per disturbo delle occupazioni, interruzione di pubblico servizio e rifiuto di fornire le generalità, e oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.
I tre venivano, inoltre, saqnzionati in via amministrativa per ubriachezza manifesta e gli veniva notificato l’avviso di avvio di procedimento volto all’irrogazione del foglio di via obbligatorio, in quanto residenti fuori provincia.

30 novembre 2009

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità