Impianto fotovoltaico sul tetto

Altro 24 Gennaio 2012 ore 12:25

(24 gen) Non è stata a guardare il sindaco del paese Cinzia Bossi. La situazione della palestra comunale l’ha presa subito in pugno. E non solo perché da Torino dove si trovava si è precipitata per constatare di persona l’accaduto. E così oggi incontrerà i periti della compagnia assicurativa con cui l’ente pubblico ha stipulato il contratto del caso, in modo da verificare l’esatta entità dei danni e le modalità di pagamento/rimborso. Le casse comunali dal disastro avvenuto venerdì scorso, non dovrebbero subire alcuna perdita. La struttura era infatti coperta da un’apposita assicurazione per i danni causati da eventi climatici. Non è stata a guardare il sindaco del paese Cinzia Bossi. La situazione della palestra comunale l’ha presa subito in pugno. E non solo perché da Torino dove si trovava si è precipitata per constatare di persona l’accaduto. E così oggi incontrerà i periti della compagnia assicurativa con cui l’ente pubblico ha stipulato il contratto del caso, in modo da verificare l’esatta entità dei danni e le modalità di pagamento/rimborso. Le casse comunali dal disastro avvenuto venerdì scorso, non dovrebbero subire alcuna perdita. La struttura era infatti coperta da un’apposita assicurazione per i danni causati da eventi climatici.

Sicurezza. Le squadre dei vigili del fuoco e della protezione civile, l’altro giorno, hanno ripulito l’area e sistemato il tetto. In pratica il vento ha aperto come una scatoletta di tonno la parte in lamiera, senza però danneggiare le travi e le altre parti strutturali della copertura. Qualche spavento nei passati è stato creato da brandelli di gomma che volavano in giro, senza nessuna conseguenza. La somma necessaria per sistemare la copertura di dovrebbe aggirare intorno ai 50 mila eruo. Ma se ne saprà di più a partire da questi primi giorni della settimana. Nell’impianto sportivo, quindi, si potrà tranquillamente continuare a fare attività. Così come da anni fanno squadre sportive di molte discipline ed i giovani delle scuole primarie del paese. L’uscita anticipata dalla scuola elementare, venerdì, è infatti stata solo una misura precauzionale decisa dalle autorità intervenute. L’impianto infatti non rappresenta un motivo di pericolo per chi all’interna fa attività. «Una bella fortunata - spiega il “primo cittadino” -. La palestra è molto utilizzata, con corsi per giovani e anziani, attività sportive e di danza. Non poterla utilizzare sarebbe stato un problema per molte persone».

Futuro. Cinzia Bossi pensa al futuro: «I lavori inizieranno prima possibile. Presto riceveremo preventivi e progetti per mettere un impianto fotovoltaico sul tetto della palestra. Già da venerdì ho avviato alcuni contatti con delle aziende, via telefono. Ora li andremo a concretizzare. Il tetto lo vorremmo rifare, magari utilizzando materiali più moderni. Mi hanno parlato di “tegole canadesi”. Vedremo, con i preventivi in mano». Nella foto la palestra di Verrone

24 gennaio 2012