Il ponte della Pistolesa si rifà il look

Il ponte della Pistolesa si rifà il look
Altro 04 Settembre 2014 ore 13:07

Un luogo nuovo, reinterpretato una volta in più. Il Ponte della Pistolesa si rifà il look, o meglio, aggiunge servizi e crea ulteriori sinergie con l’ambiente e il territorio. Spiega Michele Morganti, della società Exploring Outdoor: «L’ispirazione per questo progetto ci è venuta guardando all’estero. In Francia sono molto bravi ad utilizzare una diga che non si usa più per trasformarla in una parete di arrampicata, ossia luoghi reinventati ad una funzione diversa. Certo, il ponte si usa per le auto, ma può essere anche integrato al meglio con il territorio e l’offerta turistica».

Il Ponte della Pistolesa, guarda avanti, pensando al futuro e vestendosi di nuovo. Sabato 13 settembre si festeggeranno molte cose insieme a Veglio, come la gestione stessa del bungee center, visto che l’attività sta per compiere vent’anni. La società gestisce i lanci ma anche la produzione degli elastici, che esporta in tutto il mondo, e progetta parchi (30 su 230 in Italia sono suoi). Il Parco avventura attiguo, poi, con i nuovi interventi diventa sempre più unito da un comune filo conduttore. Al vernissage ci saranno i Comuni di Veglio e Mosso,  il Gal Montagne Biellesi che è impegnato su tutti i fronti per la valorizzazione del territorio ed ha cofinanziato una parte delle nuove realizzazioni: «Ci piace fare squdra da sempre», è la filosofia che ribadisce Michele Morganti. E poi ritorna sulla filosofia dei nuovi servizi: «Un ponte è prima di tutto collegamento, certo, ma il colosso di cemento realizzato negli anni ’70 dopo la tragica alluvione è oggi “luogo” e, in quest’ottica, quello che si inaugura il prossimo sabato  sono il vestito e i nuovi servizi di questo luogo».

La nuova offerta. Fra le novità saranno presentati: un piccolo museo permanente all’aperto per raccontare la storia della valle, le vicende che hanno colpito i Comuni della zona nel novembre 1968, la creazione del ponte sino alla sua "trasformazione" in chiave ludico-turistica. Ci saranno due hotspot wi-fi a disposizione dei turisti, uno proprio al centro del viadotto e l’altro presso la reception del Parco Avventura e  una webcam per trasmettere immagini in diretta del ponte e della valle, oltre alle attività di lancio nei giorni di apertura. Il tutto all’insegna di un nuovo logo che rappresenti il ponte in tutte le occasioni di comunicazione e un sito web dedicato, dove sarà possibile visitare virtualmente il museo e vedere le immagini in diretta. A corredo anche  un nuovo piccolo parcheggio, per accogliere i clienti più assidui e il rifacimento della segnaletica stradale per una maggiore sicurezza.