Il patto dei treni: opere sulla Biella-Santhià e Novara

Il patto dei treni: opere sulla Biella-Santhià e Novara
Altro 16 Aprile 2016 ore 13:02

BIELLA  - C’è una sostanziale novità nella vicenda legata al potenziamento delle linee ferroviarie biellesi. Dopo l’incontro di ieri a Palazzo Oropa, infatti, il territorio conferma il suo impegno sulla Biella-Santhià, ma rilancia anche sulla Biella-Novara. Gli otto soggetti che hanno siglato il protocollo d’intesa per la progettazione dell’elettrificazione sulla prima linea, hanno deciso di mettere in campo un ulteriore sforzo per andare anche a redigere un progetto di fattibilità per arrivare all’aumento della velocità di percorrenza verso Novara. 150mila euro l’investimento totale che sarà sostenuto per intero dal territorio biellese.

Il protocollo d’intesa tra Regione Piemonte, Provincia di Biella, Comune di Biella, Comune di Cossato, Camera di commercio di Biella, Banca Sella, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e Unione Industriale Biellese per la realizzazione del progetto preliminare di elettrificazione della Biella Santhià è dunque realtà. Il tutto è avvenuto alla presenza dei deputati e senatori biellesi, dei consiglieri regionali e dei rappresentanti dell’associazione dei pendolari. Il documento, oltre al finanziamento del progetto preliminare per l’elettrificazione della Biella-Santhià, impegna le parti ad individuare, attraverso uno studio di fattibilità realizzato ad hoc, le opere necessarie per l’ammodernamento e la messa in sicurezza della tratta Biella-Novara. Questa è la novità che si va aggiungere al testo elaborato nell’ultimo mese. Spiega il consigliere regionale Vittorio Barazzotto, in qualità di portavoce del tavolo tecnico: «Il testo che abbiamo discusso è la sintesi di una serie di incontri avvenuti fra i proponenti nei mesi scorsi. Riunioni che hanno stabilito le linee guida dell’impegno del territorio biellese, culminate  con il finanziamento del progetto preliminare dell’opera di elettrificazione. La Regione, dal canto suo, oltre ad occuparsi della stesura della bozza, si impegnerà a reperire i finanziamenti necessari per la realizzazione dell’infrastruttura, ossia circa 9,5 milioni di euro. Durante la discussione è emersa in maniera evidente un’altra necessità, ossia quella di formalizzare un impegno rafforzativo sulla Biella-Novara, tratta che include Cossato. Al termine della concertazione si è giunti alla conclusione di impegnarsi, anche economicamente, e non solo formalmente, nel finanziare uno studio di fattibilità che individui gli interventi necessari su passaggi a livello, massicciate, etc. necessari all’ammodernamento e alla velocizzazione della tratta che interessa Cossato».
Enzo Panelli

BIELLA  - C’è una sostanziale novità nella vicenda legata al potenziamento delle linee ferroviarie biellesi. Dopo l’incontro di ieri a Palazzo Oropa, infatti, il territorio conferma il suo impegno sulla Biella-Santhià, ma rilancia anche sulla Biella-Novara. Gli otto soggetti che hanno siglato il protocollo d’intesa per la progettazione dell’elettrificazione sulla prima linea, hanno deciso di mettere in campo un ulteriore sforzo per andare anche a redigere un progetto di fattibilità per arrivare all’aumento della velocità di percorrenza verso Novara. 150mila euro l’investimento totale che sarà sostenuto per intero dal territorio biellese.

Il protocollo d’intesa tra Regione Piemonte, Provincia di Biella, Comune di Biella, Comune di Cossato, Camera di commercio di Biella, Banca Sella, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e Unione Industriale Biellese per la realizzazione del progetto preliminare di elettrificazione della Biella Santhià è dunque realtà. Il tutto è avvenuto alla presenza dei deputati e senatori biellesi, dei consiglieri regionali e dei rappresentanti dell’associazione dei pendolari. Il documento, oltre al finanziamento del progetto preliminare per l’elettrificazione della Biella-Santhià, impegna le parti ad individuare, attraverso uno studio di fattibilità realizzato ad hoc, le opere necessarie per l’ammodernamento e la messa in sicurezza della tratta Biella-Novara. Questa è la novità che si va aggiungere al testo elaborato nell’ultimo mese. Spiega il consigliere regionale Vittorio Barazzotto, in qualità di portavoce del tavolo tecnico: «Il testo che abbiamo discusso è la sintesi di una serie di incontri avvenuti fra i proponenti nei mesi scorsi. Riunioni che hanno stabilito le linee guida dell’impegno del territorio biellese, culminate  con il finanziamento del progetto preliminare dell’opera di elettrificazione. La Regione, dal canto suo, oltre ad occuparsi della stesura della bozza, si impegnerà a reperire i finanziamenti necessari per la realizzazione dell’infrastruttura, ossia circa 9,5 milioni di euro. Durante la discussione è emersa in maniera evidente un’altra necessità, ossia quella di formalizzare un impegno rafforzativo sulla Biella-Novara, tratta che include Cossato. Al termine della concertazione si è giunti alla conclusione di impegnarsi, anche economicamente, e non solo formalmente, nel finanziare uno studio di fattibilità che individui gli interventi necessari su passaggi a livello, massicciate, etc. necessari all’ammodernamento e alla velocizzazione della tratta che interessa Cossato».
Enzo Panelli