Il Cotton Club di viale Roma riapre e diventa un bistrot a regola… d’arte

Il Cotton Club di viale Roma riapre e diventa un bistrot a regola… d’arte
15 Settembre 2014 ore 00:07

E’ un lampione dal gusto  retrò parigino il simbolo del nuovo Cotton Club: ma non lo si troverà fuori dal locale, bensì all’interno, dove tavoli e sedie in ferro battuto accoglieranno i clienti sulle note di una musica d’ambiente, proprio come in un bistrot in Rue de Seine, vicino al Pont Neuf… Nuova vita per uno dei locali storici dell’intrattenimento serale in città degli ultimi decenni  che da qualche tempo aveva chiuso i battenti dopo l’addio degli ultimi gestori.
 Il Cotton Club di viale Roma inaugurerà  il nuovo corso  mercoledì, alle 20.45, grazie all’iniziativa di Antonio Lauro, conosciuto gestore e sommelier del Bar Odeon di via Torino che con due soci ha deciso di scommettere e investire su una nuova formula che miscelerà l’offerta classica dell’aperitivo con quella della ristorazione.
Non a caso lo chef sarà Nicolas Martinez, 39enne francese trapiantato a Biella dopo diverse esperienze di lavoro all’estero: «Non proporrò solo piatti francesi  – precisa -, ma spazieremo anche proponendo serate a tema, curando molto la qualità: pochi piatti scelti, in grado di soddisfare anche i palati esigenti». «Ma stando attenti ad offrire un servizio alla portata di tutte le tasche – puntualizza il 47enne Lauro -, dalle famiglie, agli studenti: è un locale pensato per la gente e quindi per tutti. All’inizio saremo aperti dal giovedì alla domenica, anche perchè nella mia vita ci sono i figli, il bar Odeon e ora il Cotton, con i due soci che ringrazio». Davvero originale l’arredo del locale  ideato secondo il gusto di Deborah Albini che ha vinto la scommessa di creare all’interno un’atmosfera da esterno,  trovando un filo conduttore tra arte contemporanea (con opere di quotati artisti biellesi), ricerca dei materiali e quel romanticismo da locale parigino che a Biella mancava.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità