Menu
Cerca

Il Comune di Biella dichiara guerra alle slot

Il Comune di Biella dichiara guerra alle slot
Altro 14 Aprile 2016 ore 12:06

BIELLA - Quello che capiterà nei prossimi giorni potrebbe aver del clamoroso. Perché il Comune di Biella ha ufficialmente dato “battaglia” alle sale slot presenti in città. Tutto è nato dopo la notizia di una possibile nuova apertura di un “mini casinò” all’interno dei locali che ospitavano lo storico Prinz Grill, in via Torino. A Palazzo Oropa nessuno ne sapeva nulla e, così, sono partite le verifiche del caso. E quello che è stato scoperto dai vari uffici potrebbe andare a influire su questo genere di attività sia per il futuro sia per il passato. E’ infatti il piano regolatore cittadino a stabilire, fin dal 2007, che gli esercizi commerciali dedicati esclusivamente alle macchine per il gioco d'azzardo non possano insediarsi nei centri storici e nei nuclei di antica formazione. Per questo alcune sale giochi di Biella stanno ricevendo in queste ore dal Comune le lettere che contestano la loro apertura in difformità alle disposizioni del piano regolatore, primo passo di un procedimento che porterà alla loro chiusura. Tre le sale slot coinvolte in questa operazione di verifica. Si tratta delle strutture presenti in via Rosselli, in piazza Vittorio Veneto e in via Colombo.
Enzo Panelli

Leggi di più sull'Eco di Biella di giovedì 14 aprile 2016

BIELLA - Quello che capiterà nei prossimi giorni potrebbe aver del clamoroso. Perché il Comune di Biella ha ufficialmente dato “battaglia” alle sale slot presenti in città. Tutto è nato dopo la notizia di una possibile nuova apertura di un “mini casinò” all’interno dei locali che ospitavano lo storico Prinz Grill, in via Torino. A Palazzo Oropa nessuno ne sapeva nulla e, così, sono partite le verifiche del caso. E quello che è stato scoperto dai vari uffici potrebbe andare a influire su questo genere di attività sia per il futuro sia per il passato. E’ infatti il piano regolatore cittadino a stabilire, fin dal 2007, che gli esercizi commerciali dedicati esclusivamente alle macchine per il gioco d'azzardo non possano insediarsi nei centri storici e nei nuclei di antica formazione. Per questo alcune sale giochi di Biella stanno ricevendo in queste ore dal Comune le lettere che contestano la loro apertura in difformità alle disposizioni del piano regolatore, primo passo di un procedimento che porterà alla loro chiusura. Tre le sale slot coinvolte in questa operazione di verifica. Si tratta delle strutture presenti in via Rosselli, in piazza Vittorio Veneto e in via Colombo.
Enzo Panelli

Leggi di più sull'Eco di Biella di giovedì 14 aprile 2016