Il bus urbano da Riva all’ospedale

Il bus urbano da Riva all’ospedale
Altro 19 Dicembre 2017 ore 10:27

 

BIELLA - Capolinea al nuovo ospedale,
percorso allungato in modo da attraversare il rione Riva, un passaggio all’ora tra le 7 e le 18: sono le principali caratteristiche della linea 900 riveduta e corretta, che entrerà in funzione dal 1° gennaio 2018, tra meno di due settimane dunque. La giunta ha approvato percorso e piano finanziario: l’allungamento dell'anello costerà circa 10mila euro l’anno in più rispetto al 2017, per un ammontare di 100.123 euro. Il ritocco al rialzo è dovuto al percorso che ora è di 9,6 chilometri a giro, per poter comprendere anche la parte Nord del nucleo storico della città. Invece della deviazione da piazza La Marmora verso
via Gramsci e via XX Settembre, il bus urbano proseguirà lungo via Pietro Micca, costeggerà piazza Martiri, salirà in via Cavour, devierà in viale Cesare Battisti e poi, attraverso piazza Battiani, via Marochetti e via Galilei, tornerà in via Repubblica per riallacciarsi con il percorso attuale.
Leggi di più sull'Eco di Biella in edicola

 

 

BIELLA - Capolinea al nuovo ospedale,
percorso allungato in modo da attraversare il rione Riva, un passaggio all’ora tra le 7 e le 18: sono le principali caratteristiche della linea 900 riveduta e corretta, che entrerà in funzione dal 1° gennaio 2018, tra meno di due settimane dunque. La giunta ha approvato percorso e piano finanziario: l’allungamento dell'anello costerà circa 10mila euro l’anno in più rispetto al 2017, per un ammontare di 100.123 euro. Il ritocco al rialzo è dovuto al percorso che ora è di 9,6 chilometri a giro, per poter comprendere anche la parte Nord del nucleo storico della città. Invece della deviazione da piazza La Marmora verso
via Gramsci e via XX Settembre, il bus urbano proseguirà lungo via Pietro Micca, costeggerà piazza Martiri, salirà in via Cavour, devierà in viale Cesare Battisti e poi, attraverso piazza Battiani, via Marochetti e via Galilei, tornerà in via Repubblica per riallacciarsi con il percorso attuale.
Leggi di più sull'Eco di Biella in edicola