Il boom della filosofia del “riuso”

Il boom della filosofia del “riuso”
25 Novembre 2014 ore 11:29

Successo per il mercatino del riuso che è tenuto sabato a Borriana, e in contemporanea a Pralungo , complice sicuramente il bel tempo. La modalità è  stata sempre la stessa: dalle 8 alle 10 i soli residenti potevano portare i loro oggetti usati nel cortile delle scuole elementari, dalle 10 alle 12 l’area è invece stata aperta a tutti, chiunque poteva ritirare gli oggetti di proprio interesse.  Si è riconfermata quindi l’efficacia dell’idea partita da Seab, che sta velocemente conquistando i Comuni biellesi: Candelo sabato prossimo, infatti, darà il via alla seconda edizione e così molti altri Comuni, compresa Biella, si stanno attrezzando per mettere in pratica questa iniziativa.

A Borriana tutto si è svolto in mattinata, nonostante le piccole dimensioni del paese, in tanti, provenienti quasi tutti da fuori, hanno in pochi minuti svuotato il cortile delle scuole elementari. «Non posso che essere soddisfatta e fiduciosa che l’iniziativa possa svolgersi con una certa regolarità – commenta il sindaco Francesca Guerriero – questo è un appuntamento importante per fare economizzare al comune il ritiro degli ingombranti che spero di poter ripetere al più preso». Ma il sindaco non è l’unica ad essere rimasta estremamente soddisfatta della giornata: anche Silvio Belletti, l’amministratore delegato della Seab, è rimasto piacevolmente colpito dai risultati raggiunti. «L’idea poteva sembrare semplice, perfino banale, invece si sta dimostrando un successo che si riconferma ogni volta che ripetiamo l’iniziativa – commenta Belletti -. Finalmente sta prendendo piede una mentalità di riuso, a discapito di quella ormai troppo consolidata del “buttare via”. Ridurre i conferimenti in discarica dando nuova vita ad oggetti che altrimenti andrebbero buttati, è un ottimo punto di partenza per un’educazione  ai  comportamenti virtuosi che ognuno di noi dovrebbe adottare».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità