I primi pazienti nel nuovo ospedale

I primi pazienti nel nuovo ospedale
24 Novembre 2014 ore 16:39

Da questa mattina sono in corso le operazioni di trasferimento dei degenti dal presidio di Via Caraccio al nuovo ospedale. Contestualmente, sono arrivati alla nuova struttura anche i primi pazienti ambulatoriali del servizio di Nefrologia e Dialisi.
Trasferimento degenti:  E’ una paziente di 67 anni, della Medicina Semi-Intensiva, il primo degente ad aver varcato la soglia del nuovo ospedale dell’Asl Bi. L’ambulanza che la trasportava, partita dal presidio di via Caraccio alle 8.33, è giunta nella “camera calda” del Pronto Soccorso del nuovo nosocomio intorno alle 8.40 di questa mattina. La signora è stata accolta dal direttore generale dell’Asl Bi, Gianfranco Zulian che le ha dato il benvenuto, dal direttore della Medicina Semi-Intensiva, Gabriele Lanza, da medici rianimatori ed infermieri. Non è un caso che – dice una nota Asl Bi – , ad essere trasferito per primo, sia stato proprio il reparto di Medicina Semi-Intensiva, come spiega il primario Gabriele Lanza: «Era importante poter disporre sin da subito nel nuovo ospedale di un’unità attrezzata per pazienti critici, pertanto è stato previsto che i primi ad entrare nella nuova struttura fossimo noi”.
Sul fronte del trasferimento dei degenti, completato senza intoppo alcuno quello dei pazienti della Medicina Semi-Intensiva, in queste ore si stanno trasportando i pazienti della Medicina interna- Ematologia, che sono circa una quarantina. «Per come si stanno svolgendo queste prime fasi, mi ritengo soddisfatto», è il commento del direttore generale  Zulian.
Pazienti ambulatoriali in nefrologia e dialisi. Sempre questa mattina, intorno alle 7, è giunto al nuovo ospedale anche il primo paziente ambulatoriale della Struttura Nefrologia e Dialisi che si è trasferita ieri ed operativa già da questa mattina. Il signor Gerardo Secco, classe 1946 (nella foto con Roberto Bergia, Gianfranco Zulian, Ilario Mauro Berto), è stato anche tra i primi a mettere piede nel cantiere dell’ospedale quando iniziarono i lavori: «Ai tempi lavoravo in un capannone qui accanto e mi era stato chiesto di saldare le rotaie di una delle gru utilizzate nel cantiere, per cui, per certi versi, al nuovo ospedale c’ero già stato. Oggi, pur avendo visto solo uno scorcio della nuova struttura, mi trovo di fronte ad un’opera grandiosa». La caposala della Nefrologia e Dialisi, Lorena Pezza, commenta così le prime ore di attività: «Abbiamo traslocato ieri e questa mattina stiamo già effettuando la dialisi su 25 dei nostri pazienti. Oggi pomeriggio ne faremo altrettante. Direi che siamo soddisfatti, anche perché stiamo rispettando le tempistiche».

Nelle foto della gallery le immagini del trasferimento del primo paziente stamane di Medicina Semi Intensiva.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità