Gaglianico, scontro sulla pasticceria che chiude

Gaglianico, scontro sulla pasticceria che chiude
08 Gennaio 2015 ore 12:15

Il 31 dicembre ha chiuso il laboratorio di pasticceria “Moncenisio” di Sergio Vineis. Anna Pisani,  capogruppo di minoranza, lamenta il mancato supporto dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Paolo Maggia, a favore del commercio locale.

«Nel nostro paese è in atto un processo di desertificazione senza precedenti – sostiene Pisani – abbiamo incontrato Vineis che ha lamentato la riduzione del volume di affari e le troppe tasse locali che rendono impossibile la continuazione dell’attività. Non ultima la famigerata Iuc e la Tari che per commercianti è stata una vera rapina. Vineis aveva un piccolo laboratorio, che produce quantità limitate di rifiuti, ma costretto a sborsare svariate centinaia di euro, con un vistoso incremento nel 2014 rispetto all’anno precedente, che era già stato segnato da un aumento significativo. Da ciò si denota l’insensibilità e l’ incapacità di chi governa politicamente il nostro Comune che è rimasto sordo delle proteste e dei lamenti degli esercizi commerciali locali». Anna Pisani sostiene che «il Comune di Gaglianico, diversamente da altre realtà locali,  non ha previsto nessuna dilazione o facilitazione sul pagamento dei tributi e, a chi si è rivolto per un confronto e per segnalare le difficoltà emergenti, ha trovato soltanto porte in faccia e l’applicazione ferrea delle tabelle,  insomma salasso su salasso e nessun aiuto o comprensione». Respinge le accuse il sin daco  Paolo Maggia e si arrabbia: «Questo è sciacallaggio mediatico, sono il primo a dire che ci sono troppe tasse, ma di certo non è colpa di un Comune se i negozi chiudono».
Sante Tregnago

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità