Menu
Cerca

Futuro funicolare, è già tutto deciso

Futuro funicolare, è già tutto deciso
Altro 20 Aprile 2015 ore 15:39

BIELLA - Il futuro della funicolare? E’ già deciso. Almeno stando alla lettera inviata dal sindaco di Biella, Marco Cavicchioli lo scorso 16 marzo a più mittenti per chiedere la proroga di esercizio dell’impianto di risalita che collega Biella piano al Piazzo. Il documento ripercorre la storia della funicolare e svela le intenzioni dell’amministrazione. Ossia quelle di sostituire l’attuale impianto con un ascensore inclinato, automatizzando dunque la funicolare. 

Nel documento si legge: «In data 20 gennaio 2014 il Comune di Biella, con delibera di giunta comunale numero 18 ha approvato il progetto preliminare per l’“Adeguamento tecnico della funicolare terrestre Biella Piano-Biella Piazzo (revisione generale 40° anno e ammodernamento)”, nel quale si propongono interventi ritenuti necessari al proseguimento della vita tecnica dell’impianto e al miglioramento del servizio offerto, con una spesa complessiva di 1,2 milioni di euro. Da quanto esposto, emergono chiaramente la volontà e la determinazione del Comune, proprietario dell’impianto, di procedere con l’intervento di sostituzione dello stesso. Per realizzare l’intervento di sostituzione dell’impianto con la conseguente miglioria tecnica, si è stimato un importo che complessivamente ammonta a circa 1,2 milioni e che lo scrivente Ente finanzierà con il Bilancio di previsione anno 2015 (con Determinazione Dirigenziale n. 1038 del 31.2.2014 si è effettuato già impegno di spesa per 25.376,80 euro per l’affidamento di prestazioni professionali relative ad analisi geologiche ed a verifiche statiche e strutturali preliminari)». E poi ancora: «Relativamente al nuovo impianto di ascensori inclinati, con il conseguente ammodernamento tecnico del sistema di trasporto,  è in corso di redazione da parte del dottor Carlo Fuselli della società Dimensione ingenierie srl, di concerto con il direttore di esercizio, Marco Petrella, la prescritta progettazione definitiva degli interventi che sarà trasmessa non appena disponibile». Dunque il futuro della funicolare è già deciso, anche se i fondi per l’ammodernamento non sono ancora stati individuati. E con i tagli subìti dal Comune l’operazione sarà ancora più complicata. 

Enzo Panelli

BIELLA - Il futuro della funicolare? E’ già deciso. Almeno stando alla lettera inviata dal sindaco di Biella, Marco Cavicchioli lo scorso 16 marzo a più mittenti per chiedere la proroga di esercizio dell’impianto di risalita che collega Biella piano al Piazzo. Il documento ripercorre la storia della funicolare e svela le intenzioni dell’amministrazione. Ossia quelle di sostituire l’attuale impianto con un ascensore inclinato, automatizzando dunque la funicolare. 

Nel documento si legge: «In data 20 gennaio 2014 il Comune di Biella, con delibera di giunta comunale numero 18 ha approvato il progetto preliminare per l’“Adeguamento tecnico della funicolare terrestre Biella Piano-Biella Piazzo (revisione generale 40° anno e ammodernamento)”, nel quale si propongono interventi ritenuti necessari al proseguimento della vita tecnica dell’impianto e al miglioramento del servizio offerto, con una spesa complessiva di 1,2 milioni di euro. Da quanto esposto, emergono chiaramente la volontà e la determinazione del Comune, proprietario dell’impianto, di procedere con l’intervento di sostituzione dello stesso. Per realizzare l’intervento di sostituzione dell’impianto con la conseguente miglioria tecnica, si è stimato un importo che complessivamente ammonta a circa 1,2 milioni e che lo scrivente Ente finanzierà con il Bilancio di previsione anno 2015 (con Determinazione Dirigenziale n. 1038 del 31.2.2014 si è effettuato già impegno di spesa per 25.376,80 euro per l’affidamento di prestazioni professionali relative ad analisi geologiche ed a verifiche statiche e strutturali preliminari)». E poi ancora: «Relativamente al nuovo impianto di ascensori inclinati, con il conseguente ammodernamento tecnico del sistema di trasporto,  è in corso di redazione da parte del dottor Carlo Fuselli della società Dimensione ingenierie srl, di concerto con il direttore di esercizio, Marco Petrella, la prescritta progettazione definitiva degli interventi che sarà trasmessa non appena disponibile». Dunque il futuro della funicolare è già deciso, anche se i fondi per l’ammodernamento non sono ancora stati individuati. E con i tagli subìti dal Comune l’operazione sarà ancora più complicata. 

Enzo Panelli