Menu
Cerca
MUSICA

Fracasso, l’ultima sinfonia di un rapper nato con la camicia

Il biellese Andrea Rado uscirà il 14 maggio con un nuovo singolo per Warner Music. 

Fracasso, l’ultima sinfonia di un rapper nato con la camicia
Altro Biella Città, 01 Maggio 2021 ore 16:00

Il biellese Andrea Rado uscirà il 14 maggio con un nuovo singolo per Warner Music.

La storia

Il cuore al centro, e non stilizzato ma con vene e arterie in vista. Perché canta d’amore, ma l’amore che può fare male. Sullo sfondo, spartiti musicali, che rimandano a Beethoven e Vivaldi, musica classica. Perché ad arricchire la base ci sono anche flauti e violini.
Questo racconta la copertina del nuovo singolo del rapper biellese Fracasso, al secolo Andrea Rado, 22 anni di Gaglianico. E questo racconta  lui stesso, che si prepara all’uscita di questa canzone, dal titolo “L’ultima sinfonia”, che verrà distribuita dal 14 maggio dalla prestigiosa Warner Music, una delle maggiori etichette discografiche dell’industria musicale. Sarà disponibile on line su tutti gli App Store.

Il brano-esperimento

Per Fracasso, “L’ultima sinfonia” è una sfida con se stesso, spiega: «Non è un pezzo che la gente potrebbe aspettarsi da parte mia. Presenta uno stile nuovo, perché mi sono approcciato al pop, una novità rispetto ai miei trascorsi rap. Devo dire che ho sperimentato molto. “L’ultima sinfonia” è ripresa in un verso nel pezzo. Dopo dodici versioni delle base, con il produttore abbiamo inserito in alcuni punti flauti e violini. Come base, ci sono sonorità anni Ottanta, è sempre un brano riflessivo che “esplode” nel ritornello». Una canzone che parla d’amore, tra aspettative, complicazioni e solitudine, la sua: «La canzone è nata di getto. C’è stato un periodo in cui mi sono preso di una ragazza che, però, ha preferito un altro. Questo mi ha ispirato».
Esperimento pop, ma Fracasso rivendica il “marchio” di rapper nostrano, in un contesto quale quello biellese in cui, tra l’altro, pare essere l’unico rapper professionista: «Resto sempre un grande ammiratore di Fedez: è nato tutto da lì, avevo dodici anni. Ho iniziato con il rap e penso che questa “etichetta” per me sia giusta. Provengo da quell’ambiente, ho frequentato Milano e Torino in particolare, e un domani potrei comunque fare un mixtape con progetti più rap che pop, insomma quel marchio l’avrò sempre. Ora, con Warner Music sto preparando lavori più orecchiabili, questo per me è molto interessante e permette di testare la mia versatilità. Dal 14 maggio, starà al pubblico mostrarmi o meno il suo apprezzamento».

Chi è

Ma, per chi non lo conoscesse, chi è Fracasso? Ebbene, nella sua vita, si dedica alla musica, è un influencer e un radio promoter e, intanto, lavora part-time in un supermercato. Lo si potrebbe definire un rapper nato con la camicia (nella foto in alto), esteticamente e musicalmente lontano dallo stereotipo che rimanda a questo genere di artisti, i rapper: nessuna catena al collo, nessuna parolaccia nei testi. «Proprio così – conferma – Vorrei restare come sono, pulito, me stesso, una persona semplice». Tra i suoi successi, citiamo “Per Noi” e “Ora volo”, brani da pieno di visualizzazioni social. Tra le sue ospitate, la Fiera dei cavalli di Verona in diretta su Sky e il DoubleTap live su Rai Gulp.