Forza Italia allo sbando dopo il congresso

Forza Italia allo sbando dopo il congresso
Altro 14 Dicembre 2015 ore 14:36

BIELLA – Doveva essere il congresso con cui si rinsaldavano le file di un partito che negli ultimi mesi è praticamente scomparso dalla scena politica locale. Non è stato così, anzi, si è assistito ad una vera e propria spaccatura interna, successiva anche all’annuncio dell’ex sindaco Dino Gentile di voler creare un movimento civico alternativo a Forza Italia. Il motivo del contendere? La scelta del nuovo coordinatore provinciale, Paola Vercellotti, e della lista a sostegno. Tanti amministratori, soprattutto di estrazione faviana, hanno disertato il congresso, mettendo a nudo i grandi problemi all’interno di Fi. In un comunicato spiegano: «La maggioranza dei delegati che risulta essere assente al congresso provinciale esprime tutta la propria insoddisfazione sull’esito dell’assemblea congressuale». 

E poi ancora.  «Le componenti di Forza Italia non sono state coinvolte nel processo decisionale così come purtroppo emerge dagli organi di informazione nelle dichiarazioni pubblicate in questi giorni. Al contrario la scelta del coordinatore provinciale nella figura di Paola Vercellotti è stata imposta dal coordinatore regionale Gilberto Pichetto che, assumendosi la responsabilità di tale decisione, non ha garanti alle varie anime del partito ampia rappresentatività». Nel gruppo dei contestatori spiccano l’ormai ex coordinatore provinciale Lorenzo Leardi, il sindaco di Valdengo, Roberto Pella, Maurizio Varalda, solo per citarne alcuni. 

Intanto il presidente Silvio Berlusconi (nella foto) fa da testimonial ad un prodotto “made in Biella”, che il Cavaliere ha gustato e apprezzato, porgendo così – immortalato con la golosità in mano – i suoi ringraziamenti.  La marmellata che tanto è piaciuta a Berlusconi è stata prodotta dalle classi terze, quarte e quinte dell’Alberghiero di Cavaglià, in collaborazione con l’Agrario. Ad Arcore, sono arrivate 6 declinazioni dei 20 gusti testati lo scorso anno scolastico. Il Cavaliere, spiega il professore Andrea Botalla, ha ricevuto i prodotti tramite una comune amica. Per chi volesse provarle, le marmellate sono in vendita a scuola, a Cavaglià. 

G.B.    

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 14 dicembre 2015 

BIELLA – Doveva essere il congresso con cui si rinsaldavano le file di un partito che negli ultimi mesi è praticamente scomparso dalla scena politica locale. Non è stato così, anzi, si è assistito ad una vera e propria spaccatura interna, successiva anche all’annuncio dell’ex sindaco Dino Gentile di voler creare un movimento civico alternativo a Forza Italia. Il motivo del contendere? La scelta del nuovo coordinatore provinciale, Paola Vercellotti, e della lista a sostegno. Tanti amministratori, soprattutto di estrazione faviana, hanno disertato il congresso, mettendo a nudo i grandi problemi all’interno di Fi. In un comunicato spiegano: «La maggioranza dei delegati che risulta essere assente al congresso provinciale esprime tutta la propria insoddisfazione sull’esito dell’assemblea congressuale». 

E poi ancora.  «Le componenti di Forza Italia non sono state coinvolte nel processo decisionale così come purtroppo emerge dagli organi di informazione nelle dichiarazioni pubblicate in questi giorni. Al contrario la scelta del coordinatore provinciale nella figura di Paola Vercellotti è stata imposta dal coordinatore regionale Gilberto Pichetto che, assumendosi la responsabilità di tale decisione, non ha garanti alle varie anime del partito ampia rappresentatività». Nel gruppo dei contestatori spiccano l’ormai ex coordinatore provinciale Lorenzo Leardi, il sindaco di Valdengo, Roberto Pella, Maurizio Varalda, solo per citarne alcuni. 

Intanto il presidente Silvio Berlusconi (nella foto) fa da testimonial ad un prodotto “made in Biella”, che il Cavaliere ha gustato e apprezzato, porgendo così – immortalato con la golosità in mano – i suoi ringraziamenti.  La marmellata che tanto è piaciuta a Berlusconi è stata prodotta dalle classi terze, quarte e quinte dell’Alberghiero di Cavaglià, in collaborazione con l’Agrario. Ad Arcore, sono arrivate 6 declinazioni dei 20 gusti testati lo scorso anno scolastico. Il Cavaliere, spiega il professore Andrea Botalla, ha ricevuto i prodotti tramite una comune amica. Per chi volesse provarle, le marmellate sono in vendita a scuola, a Cavaglià. 

G.B.    

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 14 dicembre 2015 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli