Altro

Ex ospedale, due le ipotesi. Ma i soldi...

Ex ospedale, due le ipotesi. Ma i soldi...
Altro 10 Luglio 2017 ore 11:34

BIELLA - Due strade, parallele che, pero?, chissa?, sfidando le regole della geometria alla fine potrebbero anche miracolosamente incontrarsi. Il futuro del monoblocco e dei padiglioni che ospitavano l’ospedale si gioca su due fronti. Da una parte con il Demanio, intenzionato a rilevare la struttura per trasferirci gli uffici pubblici della Prefettura e dell’Agenzia delle Entrate, dopo la firma e l’apertura di un tavolo tecnico martedi? scorso, dall’altra con Sviluppo Genova, societa? individuata dall’Asl di Biella per la valorizzazione del monoblocco, che propone un progetto molto piu? ambizioso, per cui necessitano una sessantina di milioni di euro. Ossia la creazione di una citta? del benessere, con centri legati all’ alimentazione e al benessere appunto. Un progetto ambizioso che Sviluppo Genova ha gia? presentato sia a gruppi imprenditoriali italiani, sia gli industriali biellesi. E che ha raccolto molti consensi. Ma per ora, di concreto, di soldi sul tavolo non ce ne sono.

Enzo Panelli 
Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 10 luglio 2017 

 

BIELLA - Due strade, parallele che, pero?, chissa?, sfidando le regole della geometria alla fine potrebbero anche miracolosamente incontrarsi. Il futuro del monoblocco e dei padiglioni che ospitavano l’ospedale si gioca su due fronti. Da una parte con il Demanio, intenzionato a rilevare la struttura per trasferirci gli uffici pubblici della Prefettura e dell’Agenzia delle Entrate, dopo la firma e l’apertura di un tavolo tecnico martedi? scorso, dall’altra con Sviluppo Genova, societa? individuata dall’Asl di Biella per la valorizzazione del monoblocco, che propone un progetto molto piu? ambizioso, per cui necessitano una sessantina di milioni di euro. Ossia la creazione di una citta? del benessere, con centri legati all’ alimentazione e al benessere appunto. Un progetto ambizioso che Sviluppo Genova ha gia? presentato sia a gruppi imprenditoriali italiani, sia gli industriali biellesi. E che ha raccolto molti consensi. Ma per ora, di concreto, di soldi sul tavolo non ce ne sono.

Enzo Panelli 
Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 10 luglio 2017