Ecosistema urbano, Biella sale al 15° posto

Ecosistema urbano, Biella sale al 15° posto
07 Novembre 2017 ore 13:56

BIELLA – Biella torna a salire nella graduatoria annuale dell’Ecosistema urbano, stilata da Legambiente e da Il Sole 24 Ore. Il quindicesimo posto in cui è collocata è il miglior piazzamento degli ultimi tre anni, dopo il diciassettesimo del 2015 e il ventottesimo del 2016. In Piemonte solo Verbania, ottava, fa meglio. Vercelli è 27ª, Cuneo 33ª, Asti 50ª, Novara 67ª, Torino 81ª e Alessandria 84ª. Al vertice c’è Mantova, seguita da Trento e Bolzano. Numerosi sono come di consueto i parametri presi in considerazione per stilare la classifica. E Biella tiene botta anche in quelli in cui è giudicata non ideale: per la qualità dell’aria, ad esempio, è considerata alta la media di polveri sottili presenti nell’atmosfera, ma la città resta uno dei capoluoghi che non ha sforato la quota dei 35 giorni oltre il livello di soglia previsto dalla legge. Tra i valori che premiano invece c’è la percentuale della raccolta differenziata: con il 71,7% del 2016 Biella rientra nel ristretto club di chi ha superato il 70%, solo quindici grandi centri in Italia, quattro dei quali in Piemonte dove ci sono anche Cuneo, Verbania e Novara. Siamo anche una delle città che ha attivato il servizio di raccolta porta a porta nel 100 per cento del territorio urbano.

Se è alto il numero di spazi riservati ai pedoni (0,56 metri quadrati di zona pedonale per abitante), gli alberi in spazi fruibili ogni 100 abitanti sono 23, quasi il doppio di Torino e poco meno dei 25 di Vercelli. Quanto a verde urbano fruibile, Biella con i suoi 19,1 metri quadrati per abitante batte anche Varese, soprannominata “la città giardino”, anche se è lontana dai 51,6 metri quadrati di Vercelli. Sale invece la quantità di energia pulita che alimenta gli edifici pubblici: 9,8 kilowatt ogni 1000 abitanti (a Torino sono 0,4). Un punto dolente è il numero di auto immatricolate: sono 70 ogni 100 abitanti, uno dei dati più alti in Italia.

BIELLA – Biella torna a salire nella graduatoria annuale dell’Ecosistema urbano, stilata da Legambiente e da Il Sole 24 Ore. Il quindicesimo posto in cui è collocata è il miglior piazzamento degli ultimi tre anni, dopo il diciassettesimo del 2015 e il ventottesimo del 2016. In Piemonte solo Verbania, ottava, fa meglio. Vercelli è 27ª, Cuneo 33ª, Asti 50ª, Novara 67ª, Torino 81ª e Alessandria 84ª. Al vertice c’è Mantova, seguita da Trento e Bolzano. Numerosi sono come di consueto i parametri presi in considerazione per stilare la classifica. E Biella tiene botta anche in quelli in cui è giudicata non ideale: per la qualità dell’aria, ad esempio, è considerata alta la media di polveri sottili presenti nell’atmosfera, ma la città resta uno dei capoluoghi che non ha sforato la quota dei 35 giorni oltre il livello di soglia previsto dalla legge. Tra i valori che premiano invece c’è la percentuale della raccolta differenziata: con il 71,7% del 2016 Biella rientra nel ristretto club di chi ha superato il 70%, solo quindici grandi centri in Italia, quattro dei quali in Piemonte dove ci sono anche Cuneo, Verbania e Novara. Siamo anche una delle città che ha attivato il servizio di raccolta porta a porta nel 100 per cento del territorio urbano.

Se è alto il numero di spazi riservati ai pedoni (0,56 metri quadrati di zona pedonale per abitante), gli alberi in spazi fruibili ogni 100 abitanti sono 23, quasi il doppio di Torino e poco meno dei 25 di Vercelli. Quanto a verde urbano fruibile, Biella con i suoi 19,1 metri quadrati per abitante batte anche Varese, soprannominata “la città giardino”, anche se è lontana dai 51,6 metri quadrati di Vercelli. Sale invece la quantità di energia pulita che alimenta gli edifici pubblici: 9,8 kilowatt ogni 1000 abitanti (a Torino sono 0,4). Un punto dolente è il numero di auto immatricolate: sono 70 ogni 100 abitanti, uno dei dati più alti in Italia.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità