Due assunzioni al Comune di Biella

Due assunzioni al Comune di Biella
Altro 01 Febbraio 2017 ore 15:36

BIELLA - Due nuove assunzioni al Comune di Biella: venerdì mattina l’agente di polizia municipale Katia Fiameni ha prestato giuramento nelle mani del sindaco Marco Cavicchioli alla presenza dei testimoni Emanuela Cillo e Maurizio Gilardi Nadin. Il 2 gennaio scorso è stato il primo giorno di lavoro al comando di Palazzo Pella per l’agente Fiameni. Nella stessa data ha preso servizio l'assistente sociale Lara Furlan che è stata assegnata all'ufficio Politiche abitative del settore Servizi socio-assistenziali.

“Le nuove assunzioni, nell’ambito della polizia urbana e presso i servizi sociali, sono importantissime - spiega l'assessore al personale Fulvia Zago - ma del tutto insufficienti a rimpiazzare le uscite per pensionamenti o altra causa: dal 2014 hanno cessato servizio 32 dipendenti e sono stati assunti solo in quattro (due vigili, un amministrativo ed un'assistente sociale). La situazione si fa ogni giorno più preoccupante, la fronteggiamo con strategie di accorpamento di servizi e lavorando sulle urgenze. Il limite alle assunzioni è di tipo normativo. Ed è incerto, ad oggi, dire se è servito dal momento che la spesa pubblica non ha registrato diminuzioni. Ora è necessario che il legislatore nazionale inverta la rotta, agli enti locali è indispensabile poter, al più presto, riportare gli uffici a un livello di funzionalità che non sia emergenziale”.

BIELLA - Due nuove assunzioni al Comune di Biella: venerdì mattina l’agente di polizia municipale Katia Fiameni ha prestato giuramento nelle mani del sindaco Marco Cavicchioli alla presenza dei testimoni Emanuela Cillo e Maurizio Gilardi Nadin. Il 2 gennaio scorso è stato il primo giorno di lavoro al comando di Palazzo Pella per l’agente Fiameni. Nella stessa data ha preso servizio l'assistente sociale Lara Furlan che è stata assegnata all'ufficio Politiche abitative del settore Servizi socio-assistenziali.

“Le nuove assunzioni, nell’ambito della polizia urbana e presso i servizi sociali, sono importantissime - spiega l'assessore al personale Fulvia Zago - ma del tutto insufficienti a rimpiazzare le uscite per pensionamenti o altra causa: dal 2014 hanno cessato servizio 32 dipendenti e sono stati assunti solo in quattro (due vigili, un amministrativo ed un'assistente sociale). La situazione si fa ogni giorno più preoccupante, la fronteggiamo con strategie di accorpamento di servizi e lavorando sulle urgenze. Il limite alle assunzioni è di tipo normativo. Ed è incerto, ad oggi, dire se è servito dal momento che la spesa pubblica non ha registrato diminuzioni. Ora è necessario che il legislatore nazionale inverta la rotta, agli enti locali è indispensabile poter, al più presto, riportare gli uffici a un livello di funzionalità che non sia emergenziale”.