Differenziata, crescita a novembre

Differenziata, crescita a novembre
08 Gennaio 2015 ore 11:06

Quello di novembre è il miglior risultato del 2014 per la raccolta differenziata in città: lo dice la tabella consegnata da Seab all’assessorato all’Ambiente del Comune di Biella.

Con il dato “puro” del 52,84% (ovvero senza l’aggiunta dei rifiuti cosiddetti assimilati, che valgono circa il 5% annuo), il penultimo mese dell’anno si chiude con un più 2,05% rispetto alla media dei dieci mesi precedenti e con un più 1,65% rispetto alla media di tutti e undici i mesi. «Continuando con questa tendenza – dice l’assessore Diego Presa  – l’anno per Biella dovrebbe ufficialmente chiudersi tra il 57 e il 58 per cento, dopo aver sommato alla cifra la percentuale degli assimilati, i rifiuti smaltiti in modo autonomo dalle attività commerciali e terziarie».

Novembre ha visto in particolare un incremento per carta (+1,91%), plastica (+0,18%) e frazione organica (+0,70%). È calata la raccolta del vetro (-0,36%) ma il dato può essere spiegato con il consumo di bevande inferiore nei mesi più freddi rispetto all’estate. Secondo Diego Presa, la crescita è il primo frutto del nuovo sistema di raccolta: «L’azione intrapresa con il passaggio alla raccolta da bisettimanale a settimanale avviata tre mesi fa, a partire da Chiavazza dal 15 settembre, poi al Villaggio La Marmora dal 15 ottobre e dal 15 novembre al Masarone, comincia a dare i primi risultati ed entro aprile 2015 sarà estesa a tutta la città con un risparmio complessivo di circa 350mila euro annui per la sola raccolta». Il meccanismo di passaggi settimanali sarà esteso dal 15 gennaio a tutto il quartiere San Paolo. Nel frattempo altre azioni saranno intraprese per raggiungere l’obiettivo minimo del 65% che la legge richiedeva già entro il 2012: «Intendiamo potenziare l’attività informativa e di sensibilizzazione anche con iniziative di confronto per condividere con convinzione con i cittadini l’obiettivo da raggiungere». E dal 1 gennaio 2016 Biella passerà alla raccolta puntuale, che consentirà ai cittadini di pagare per quanti rifiuti producono e di risparmiare per quanti ne differenziano: «Per questo –  aggiunge Presa  – il 2015 sarà un anno importante. Dovremo prepararci all’appuntamento già annunciato e previsto, che metteremo in atto con modalità che dovranno far riferimento alle sperimentazioni già in corso in altre città».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità