Altro

Dal Governo Monti stangata sui rifiuti

Dal Governo Monti stangata sui rifiuti
Altro Grande Biella, 05 Dicembre 2012 ore 20:47

 Il 2013 porterà con sè una vera e propria stangata per quanto concerne la bolletta dei rifiuti. Questa volta, però, la colpa non sarà imputabile alle amministrazioni comunali bensì al Governo che con un vero e proprio “colpo di mano”, attraverso il “Salva Italia” ha introdotto una norma che farà lievitare le bollette di almeno il  20 per cento a tutti quanti. Sia per un cittadino che abita a Biella sia per un altro che abita a Piedicavallo. Dal primo giorno del prossimo anno, infatti, entrerà in vigore la Tares che sostituirà la tassa o la tariffa sui rifiuti. E cosa prevede il provvedimento? Il pagamento di una “tassa” una tantum di 30 centesimi per ogni metro quadro di abitazione. Soldi che andranno a sommarsi al costo di raccolta e smaltimento rifiuti, in costante crescita negli ultimi anni. 

Ai Comuni.  Il nuovo aumento, come detto, non è imputabile ai Comuni. A spiegare come funziona la Tares è l’assessore al bilancio di Biella, Gabriele Mello Rella. «In pratica - spiega - la quota di 30 centesimi a metro quadro nella nostra città vale 1,3 milioni all’anno. Soldi che il Governo non trasferirà più attraverso il fondo perequativo». Una sorta di Imu, insomma, che, ancora una volta, penalizzerà i cittadini. E, probabilmente, anche i Comuni visto che il milione e 300mila euro che Biella riceveva dal Governo erano fondi sicuri mentre il pagamento della Tares non lo è così tanto. Se, infatti, i cittadini non pagheranno, i Comuni si troveranno in ulteriore difficoltà e i servizi potrebbero non essere più garantiti. 
L’aumento.  L’impatto della Tares a Biella è devastante e porterà, da solo, ad un aumento del 17,95 per cento rispetto a ciò che si è pagato quest’anno. «A questo c’è da aggiungere - sottolinea Mello - un ritocco verso l’alto fisiologico del 3-4 per cento». Alla fine, quindi, l’impatto della Tares sarà di un più 20 per cento abbondante sulla tariffa rifiuti. «E - conclude Mello - la faccia ce la dovremo mettere noi con i cittadini». Una situazione che è stata sino ad ora sottovalutata ma che potrebbe avere degli effetti pesantissimi sui bilanci delle famiglie e delle imprese. 
L’impatto.  Per un appartamento di 100 metri quadrati, con l’arrivo della Tares, si pagheranno 30 euro in più in bolletta, a cui si dovranno aggiungere gli ulteriori aumenti fisiologici del 3-4 per cento. Una vera e propria stangata che, questa volta, non riguarderà solo i cittadini di Biella ma quelli di tutto il Biellese. Ogni Comune, infatti, sarà tenuto ad applicare la nuova quota maggiorativa decisa dal Governo Monti.  

Enzo Panelli

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter