Dai sardi biellesi 350 euro in circordo di Sanna

Dai sardi biellesi 350 euro in circordo di Sanna
Altro 11 Ottobre 2016 ore 14:23

Sabato 1° ottobre, la serata con l'annunciata “pizza al circolo” proposta daSu Nuraghe di Biella ha fatto registrare il tutto esaurito. Una pizza speciale con offerte, il cui ricavato di 350 euro viene ora interamente versato nelle casse della Fasi,Federazione Associazioni Sarde in Italia,aderendo alla raccolta fondi unitaria in nome del giovane Filippo Sanna da destinare ad un progetto per le genti di Amatrice.
Filippo Sanna, ragazzo di origini nuoresi da 16 anni residente ad Amatrice, è rimasto gravemente ferito sotto le macerie della propria abitazione a seguito delle scosse del terremoto del 24 agosto.
Trasferito nella sala di rianimazione dello Spirito Santo di Pescara, in stato di coma e con gravi politraumi, per sette giorni i familiari e i rappresentanti della comunità sarda e in particolare i soci dell’associazione “Dimonios” presieduta da Emily Congiu hanno sperato che Filippo potesse vincere la lotta per la vita. Purtroppo questo non è avvenuto.
Dai sardi di Biella arriva una prima goccia nel mare della solidarietà e, in rapporto alla consistenza dei fondi raccolti, la Fasi concorderà con la famiglia di Filippo Sanna la loro più utile destinazione.

Sabato 1° ottobre, la serata con l'annunciata “pizza al circolo” proposta daSu Nuraghe di Biella ha fatto registrare il tutto esaurito. Una pizza speciale con offerte, il cui ricavato di 350 euro viene ora interamente versato nelle casse della Fasi,Federazione Associazioni Sarde in Italia,aderendo alla raccolta fondi unitaria in nome del giovane Filippo Sanna da destinare ad un progetto per le genti di Amatrice.
Filippo Sanna, ragazzo di origini nuoresi da 16 anni residente ad Amatrice, è rimasto gravemente ferito sotto le macerie della propria abitazione a seguito delle scosse del terremoto del 24 agosto.
Trasferito nella sala di rianimazione dello Spirito Santo di Pescara, in stato di coma e con gravi politraumi, per sette giorni i familiari e i rappresentanti della comunità sarda e in particolare i soci dell’associazione “Dimonios” presieduta da Emily Congiu hanno sperato che Filippo potesse vincere la lotta per la vita. Purtroppo questo non è avvenuto.
Dai sardi di Biella arriva una prima goccia nel mare della solidarietà e, in rapporto alla consistenza dei fondi raccolti, la Fasi concorderà con la famiglia di Filippo Sanna la loro più utile destinazione.