Da oggi a Torino in un'ora

Da oggi a Torino in un'ora
Altro 05 Marzo 2012 ore 11:41

Il Biellese, per lo meno al mattino, da oggi è più vicino a Torino. Con il cambio di orario di due corse, infatti, i pendolari potranno scendere sotto la mole dopo un’ora di viaggio. Sempre che non si accumulino ritardi lungo il tragitto, naturalmente. Il nuovo orario era stato annunciato durante la riunione con la Regione Piemonte che i pendolari e i rappresentanti del territorio, con in testa il prefetto Demetrio Missineo, avevano avuto con i vertici di Trenitalia e di Rfi e i tecnici dell’assessorato regionale ai trasporti. Il confronto ha portato a novità sostanziali, per ora sulla Biella-Torino. 

Cosa cambia. Da questa mattina, sulla linea Biella-Santhià il  treno che normalmente partiva alle 7.11, verrà anticipato alle 7.01, mentre il treno delle 7.23 sarà anticipato alle 7.18. Queste due corse non avranno fermate intermedie sino a Santhià, aspetto che consentirà un netto risparmio di tempo di percorrenza. Tanto che il treno che parte alle 7.01 raggiungerà Torino alle Torino Porta Susa alle 8 e Torino Porta Nuova alle  8.18, mentre quello che parte alle 7,23 sarà a Porta Susa alle 8,10 e a  Porta Nuova alle 8.10. 

 

Verso Novara.  La stessa operazione i pendolari stanno cercando di porla in essere verso Novara, con l’eliminazione delle fermate intermedie, eccetto Cossato. Le altre stazioni, sempre secondo le indicazioni date dall’associazione, dovrebbero essere collegate alle fermate principali con l’utilizzo dei bus. Così si ovvierebbe il problema dei tempi di percorrenza giudicati troppo lunghi, soprattutto per quanto riguarda il diretto per Milano. Un risparmio di tempo consentirebbe infatti ai biellesi di partire più tardi rispetto all’orario attuale. Le indicazioni date dall’associazione sono ora al vaglio della Regione, di Trenitalia e di Rfi che dovranno capire anche le disponibilità dei sindaci dei territori sui quali insistono le stazioni più piccole. Il problema è particolarmente sentito nel novarese dove il treno proveniente da Biella è utilizzato principalmente dagli studenti per recarsi a scuola. Eventuali soppressioni di piccole stazioni sono vincolate a sostituzioni del servizio con i bus. Ma la contrattazione, verso Novara, sarà decisamente più lunga rispetto che su Santhià. Enzo Panellipanelli@primabiella.it