Altro

Cumuli di rifiuti abbandonati nei boschi

Cumuli di rifiuti abbandonati nei boschi
Altro Grande Biella, 19 Gennaio 2018 ore 11:00

GIFFLENGA -  E’ uno scempio. E stavolta le telecamere non sono purtroppo riuscite a immortalare gli sporcaccioni che hanno abbandonato cumuli di rifiuti nel territorio del comune di Gifflenga. A trovarli e a segnalarli sia alla Provincia di Biella sia alla stessa amministrazione comunale, è stata una guardia ittico venatoria e ambientale volontaria dell’Arci durante un normale giro di ricognizione in quella zona. I rifiuti erano sparsi in più punti lungo una stradina di campagna all’interno dei confini del comune di Gifflenga, sula sponda orografica di sinistra del torrente Cervo, a monte del guado che porta a Buronzo. Le segnalazioni purtroppo si susseguono numerose nonostante ci sia la possibilità di portare i cumuli di rifiuti talvolta ingombranti e pericolosi direttamente nella sede della Seab senza pagare un euro. Sarebbe di certo una soluzione migliore piuttosto che abbandonarli lungo le strade di campagna con un danno ambientale che riguarda tutti e con il rischio, per gli sporcaccioni, di vedersi appioppare una pesante ammenda.

V.Ca.

GIFFLENGA -  E’ uno scempio. E stavolta le telecamere non sono purtroppo riuscite a immortalare gli sporcaccioni che hanno abbandonato cumuli di rifiuti nel territorio del comune di Gifflenga. A trovarli e a segnalarli sia alla Provincia di Biella sia alla stessa amministrazione comunale, è stata una guardia ittico venatoria e ambientale volontaria dell’Arci durante un normale giro di ricognizione in quella zona. I rifiuti erano sparsi in più punti lungo una stradina di campagna all’interno dei confini del comune di Gifflenga, sula sponda orografica di sinistra del torrente Cervo, a monte del guado che porta a Buronzo. Le segnalazioni purtroppo si susseguono numerose nonostante ci sia la possibilità di portare i cumuli di rifiuti talvolta ingombranti e pericolosi direttamente nella sede della Seab senza pagare un euro. Sarebbe di certo una soluzione migliore piuttosto che abbandonarli lungo le strade di campagna con un danno ambientale che riguarda tutti e con il rischio, per gli sporcaccioni, di vedersi appioppare una pesante ammenda.

V.Ca.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter