Menu
Cerca

Cossato, rivoluzione dei rifiuti

Altro 10 Dicembre 2010 ore 12:28

(7 dic) Novità in vista per quanto riguarda il servizio della raccolta dei rifiuti solidi urbani a Cossato. Ne parla l’assessore comunale all’ambiente Alessio Migliorati. Novità in vista per quanto riguarda il servizio della raccolta dei rifiuti solidi urbani a Cossato. Ne parla l’assessore comunale all’ambiente Alessio Migliorati. «Dopo la mappatura dei cassonetti nelle varie frazioni della città, – dà notizia l’assessore – abbiamo compiuto una serie di sopralluoghi in vista della loro internealizzazione, cioè dello spostamento dei cassonetti all’interno dei cortili, sia per le residenze condominiali sia per le singole case, dove possibile. Ora è fase avanzata l’operazione, vera e propria, di internealizzazione, che dovrebbe essere portata a termine entro la fine di gennaio del prossimo anno. Per il 90% dei casi, finora, si è rivelato possibile. Al momento, non è stato possibile, in alcuni casi, in viale Pajetta ed in via Repubblica. Entro il mese di gennaio, pensiamo di poter completare anche questa fas». Nel frattempo, tutti i cassonetti verranno assegnati, censiti e contrassegnati condominio per condominio, casa per casa, in vista della futura applicazione della tariffa puntuale.
«Si pensa, in seguito, di chiuderli e di renderli apribili soltanto mediante un lucchetto, fornendo una chiave a ciascun nucleo condominiale. Invece, dove non sarà possibile, i bidoni verranno chiusi a chiave ed identificati con un cartello che individua il condominio di appartenenza. Ed ogni famiglia disporrà di un dispositivo di apertura per poter conferire i rifiuti nel proprio cassonetto. Tutto questo, per abituare i cittadini a non gettare più i rifiuti in cassonetti diversi da quelli attribuiti, cercando, al tempo stesso, di ridurre anche al minimo gli abbandoni». L’altra innovazione riguarda, invece, il passaggio vero e proprio alla tariffa puntuale, per la quale, si dovrà, però, ancora attendere la risposta da parte della Regione.
«Siamo rientrati nel bando e siamo in attesa di sapere quanti fondi ci assegnerà la Regione, per l’acquisto dei cassonetti “intelligenti’’, che misureranno il volume reale dell’immondizia conferita da ciascuna famiglia per calcolare, di conseguenza, l’addebito da applicare sulla bolletta di ciascun utente» conclude l’assessore comunale.

7 dicembre 2010